3 Dicembre 2015

Dieselgate, la Finanza nella sede italiana Porsche

Dieselgate, la Finanza nella sede italiana Porsche

 
    

Sono otto le persone iscritte nel registro degli indagati , tra cui componenti del CdA, nell’ inchiesta della procura di Padova e che ha portato stamani a delle perquisizioni nella sede di Porsche Italia, a Padova . La Guardia di Finanza si è recata anche nelle abitazioni di alcuni degli indagati. L’ ipotesi di reato è di frode nell’ esercizio del commercio e l’ inchiesta è partita dall’ esposto presentato da una associazione di consumatori che aveva sostenuto nell’ esposto l’ esistenza di una differenza tra le emissioni reali e quelle dichiarate da parte della casa tedesca, in particolar modo sul modello Cayenne. Nuova Porsche 911 Turbo S, sfida alla Ferrari Nell’ ottobre scorso, anche sulla base di un analogo esposto presentato in quell’ occasione dal Codacons e relativo a presunte falsificazioni sui dati delle emissioni, la procura di Verona aveva invece aperto un’ inchiesta disponendo una serie di perquisizioni, per l’ acquisizione di documenti e pc, nella sede di Volkswagen Italia , nella città scaligera, e della Lamborghini, che fa parte del gruppo della casa automobilistica tedesca, nel bolognese. Nell’ inchiesta scaligera risultano indagate sei persone, tra cui membri del Cda. Tra gli indagati per falso in commercio c ‘è anche il direttore generale di Porsche Italia Pietro Innocenti: l a prima perquisizione, iniziata alle 7 di questa mattina e conclusa intorno alle 15, è stata effettuata nella sede dell’ azienda mentre altre due perquisizioni sono state effettuate in Veneto, nella abitazioni degli unici due componenti del Cda di Porsche Italia residenti in Italia. Sequestrati svariati documenti cartacei e digitali.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox