13 Maggio 2013

Derby Coppa Italia, data e ora in bilico il Tar accoglie il ricorso del Codacons

Derby Coppa Italia, data e ora in bilico il Tar accoglie il ricorso del Codacons

Potrebbe
cambiare il giorno e l’orario della finale di Tim Cup tra Roma e Lazio.
Il Tribunale amministrativo convoca il 15 maggio tutte le parti.
Rienzi: “Se si dovesse giocare il 26 maggio, giorno delle elezioni
comunali, si creearanno immensi disagi ai cittadini”

di LORENZO D’ALBERGO

La data e l’ora del fischio di inizio del derby che vale la Coppa Italia potrebbero improvvisamente cambiare. Il Tar del Lazio, con un decreto monocratico emesso dal presidente della terza sezione quater, Italo Riggio, ha accolto il ricorso del Codacons, che chiedeva alla giustizia amministrativa di sospendere i provvedimenti con cui la stracittadina è stata anticipata dalle 21 alle 18 del 26 maggio. Un giorno delicato per l’ordine pubblico, visto che coinciderà con la chiamata alle urne per le elezioni amministrative.

Già fissata la prossima udienza in via Flaminia: mercoledì 15 maggio i legali di Codacons, Coni, Lega Calcio, Rai, ministero dell’Interno, prefettura, Comune, Roma e Lazio si ritroveranno in tribunale, questa volta davanti al collegio al gran completo, per trovare una soluzione condivisa.

“Dimostreremo al Tar – spiega Carlo Rienzi, il presidente dell’associazione che si occupa di tutelare i diritti dei consumatori  –  come la scelta di disputare un incontro così importante alle ore 18, in concomitanza con le elezioni comunali, creerà immensi disagi ai cittadini, con ripercussioni negative sul fronte del diritto di voto. Stiamo infatti parlando di una finale di calcio che bloccherà un intero quadrante della città prima, durante e dopo la partita, proprio nelle ore in cui è massima l’affluenza alle urne da parte degli elettori”.

“Va sottolineato, infatti, che gran parte dei romani  –  continua Rienzi – il 26 maggio si recherà
al voto nelle ore serali, magari di ritorno dal mare o da una gita fuori porta, e troverà un’area della capitale praticamente paralizzata. Nel caso poi in cui si verifichino tafferugli e agitazioni al termine dell’incontro e nelle zone limitrofe allo stadio Olimpico, per molti cittadini risulterà impossibile votare, con conseguenze che potrebbero arrivare all’annullamento delle intere consultazioni amministrative”..

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox