31 Agosto 2021

Demolizione centrale Enel di Montalto. Il Consiglio di Stato ordina al Tar di decidere

Con una ordinanza emessa ieri, lunedì 30 agosto, la quarta sezione, il Consiglio di Stato ha ordinato al Tar del Lazio di decidere subito nel merito circa il destino dell’ex Centrale Enel di Montalto di Castro. Nella vicenda era intervenuto anche il Codacons, costituitosi in giudizio contro il ricorso di Enel che contestava l’ordinanza del Comune. Ordinanza che imponeva alla società di provvedere, a sua cura e spese, alla riduzione in pristino dei luoghi mediante la demolizione, e agli interventi di ripristino delle opere relative alla ex Centrale. “Con la decisione di ieri il Consiglio di Stato non ha annullato l’ordinanza del Tar, ma ha ordinato al Tribunale amministrativo di decidere subito nel merito circa il destino dell’ex centrale Enel”, spiega il Codacons.
Nel motivare l’ordinanza in questione, i giudici rilevano che “le questioni dedotte impongono il sollecito approfondimento nel merito del ricorso in primo grado, poiché i provvedimenti impugnati, per un verso paiono inquadrarsi nella tutela del territorio riconducibile alla competenza del Comune; e che, per altro verso, anche in forza di principi generali, ogni valutazione, conseguente all’esecuzione del provvedimento, ivi comprese le eventuali modalità operative e le scelte, richiede il concorso collaborativo di tutte delle amministrazioni pubbliche già coinvolte nella conferenza di servizi”.
“Cosa fare di quel mostro di cemento simbolo delle inefficienze dello Stato non può essere deciso dall’Enel per i propri interessi – commenta il presidente di Codacons Carlo Rienzi, che è intervenuto in udienza dinanzi al Consiglio di Stato -. Enel, dopo aver percepito miliardi per realizzare la centrale, voleva non solo cooperare alla scelta di cosa farne, ma addirittura decidere pure come far fruttare il rudere. Richiesta alla quale, giustamente, il Consiglio di Stati ha detto no”. “Tutti i cittadini di Montalto di Castro – conclude il Codacons – possono intervenire ora al Tar del Lazio assieme a noi contro le assurde richieste dell’Enel, inviando una mail di pre-adesione all’indirizzo info@codacons.it”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox