18 Febbraio 2020

Delibera contestata all’ Asp I dubbi di Ugl e Cse Sanità

«La delibera 199/20 è un atto non in linea con un inizio di guida commissariale trasparente e neutrale e non troppo professionale». Sull’ Asp e sul manager Daniela Saitta piombano anche le accuse di Sebastiano Mauceri della Cse Sanità e di Valentina Alba Battendieri dell’ Ugl Sanità. «La dottoressa Daniela Saitta, oltre che mortificare i tanti professionisti dipendenti aziendali con pari e – probabilmente – maggiore esperienza nel settore specifico, ha nominato un proprio familiare provocando legittime polemiche a seguito delle quali è stata costretta a revocare la delibera dell’ incarico professionale. Giusto l’ attacco dell’ on. Sapia e del Codacons. Il titolo gratuito non migliora la situazione – dicono i due sindacalisti – proprio quando il governo si appresta a tracciare operazioni finanziariue, si avallano comportamenti che rischiano di alimentare “mercati” tra pubblica amministrazione e professionisti privati. Una delibera questa che da un lato palesa una forte imparzialità a favore del commissario e della figlia, ma dall’ altro è un esempio di mortificante lavoro prestato senza retribuzione». Mauceri e Battendieri: «Mortificatimolti dipendenti»

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox