21 Novembre 2002

DECRETO GASPARRI: ANCHE I CONSUMATORI RICORRONO ALLA CORTE COSTITUZIONALE

    ADUSBEF, CODACONS E FEDERCONSUMATORI, CONTRO L?ELETTROSMOG, APPOGGIANO IL RICORSO DELLA REGIONE LOMBARDIA E CHIEDONO ALLA PROCURA DI MILANO DI VALUTARE LE DICHIARAZIONI DI GASPARRI SU FORMIGONI

    Nel botta e risposta tra Formigoni e Gasparri intervengono i consumatori.
    Adusbef, Codacons e Federconsumatori, che già da tempo hanno criticato il Decreto Gasparri sull?elettrosmog, ricorreranno alla Corte Costituzionale perché dichiari la violazione di principi primari e ordinari fissati dalla legge, primo tra tutti l`autonomia delle Regioni e dei Comuni in materia urbanistica sull`individuazione dei siti e per affermare la necessità che tali strutture accedano alla concessione edilizia attraverso un procedimento amministrativo complesso e previa valutazione di impatto ambientale che oggi, con questo decreto, viene completamente cancellata.

    Le 3 associazioni hanno deciso infatti di intervenire ad adiuvandum, in appoggio alla Regione Lombardia, nel ricorso che questa presenterà contro il decreto del Ministro per le comunicazioni.

    L?intento di Adusbef, Codacons e Federconsumatori mira esclusivamente a tutelare la salute dei cittadini da un pericolo certo e provato scientificamente, rappresentato dall?inquinamento elettromagnetico che, con l?installazione selvaggia di antenne e ripetitori, potrebbe aumentare notevolmente l?esposizione dei cittadini alle onde elettromagnetiche.

    Le 3 associazioni, inoltre, chiederanno alla Procura della Repubblica di Milano di valutare se le affermazioni del Ministro Gasparri, che ha dichiarato ?rozzo e ottuso? l?atteggiamento della Regione Lombardia, possano configurare fattispecie penali come ad esempio l?oltraggio, avendo egli pesantemente criticato un organo pubblico.















    Codacons




    Adusbef




    Federconsumatori




    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox