10 Novembre 2014

Debutta la “Metro C” primo viaggio con guasto

Debutta la “Metro C” primo viaggio con guasto

ROMA. Un’ attesa lunga sette anni, tra inchieste giudiziarie e ritardi che ne hanno fatto slittare l’ apertura, pensata sin dagli Anni ’90. Ieri, finalmente, la metro C, la terza linea sotterranea che attraversa Roma, ha percorso il suo viaggio inaugurale. Ma, dopo sole due fermate, un guasto l’ habloccata: undici minuti di interruzione, e primi passeggeri a piedi. Non inizia nel migliore dei modi un servizio così atteso nella Capitale: un’ opera costata due miliardi per un percorso di 12,5 chilometri (di cui 4,3 in sotterranea), informatizzata e senza macchinisti, che collega Pantano sulla Casilina a Centocelle, periferia est della città. Quindici le stazioni, cinque di nuova costruzione e le altre di adeguamento delle stazioni della vecchia ferrovia laziale. Un’ opera rinviata anche dalle inchieste, come quella della Corte dei Conti del Lazio, che ha contestato un danno per l’ erario (tra il 2006 e il 2010) a causa del rinvio dei lavori e di un aumento di costi per 364 milioni di euro. L’ ultimo rinvio era stato del mese scorso: l’ 11 ottobre doveva essere il gran giorno, ma anomali negli impianti e rischi di malfunzionamento, denunciati dalla commissione addetta a dare il via libera, ne fermarono il viaggio inaugurale. Arrivato ieri, con uno stop quasi immediato, ma per fortuna solo temporaneo. Il sindaco, Ignazio Marino, che ha percorso la tratta, non prima di aver acquistato un biglietto alle macchinette, ha criticato il suo predecessore, Gianni Alemanno, accusandolo del «grave rallentamento», prendendosi poi i meriti per «l’ accelerazione data al progetto». Ma non mancano le critiche: «Un dislivello sulla banchina non rende facile la fruzione del servizio alle persone disabili», ha denunciato Luca Pancalli, assessore allo Sport di Roma Capitale. Per il Codacons, «ci sono ascensori e scale mobili fuori uso».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox