18 Giugno 2019

Debito pubblico record, sale di 15 miliardi I consumatori: «93mila euro a famiglia»

Il debito pubblico sale a quota record e sulle tasche degli italiani rischia di pesare quanto un macigno. Dopo la leggera boccata d’ ossigeno dei mesi scorsi, la Banca d’ Italia ha registrato ad aprile un nuovo aumento del debito delle pubbliche amministrazioni, che con un rialzo di quasi 15 miliardi (14,8 per la precisione), ha toccato un nuovo massimo a quota 2.373,3 miliardi. Immediata la reazione dei consumatori che stimano che tale fardello si traduca in un aggravio di ben 93 mila euro a famiglia. Bankitalia spiega che alla base dell’ aumento del debito ci sono da un lato 2,8 miliardi del fabbisogno del mese, cioè l’ ammontare dei fondi che lo Stato deve raccogliere sul mercato per far fronte al saldo passivo tra entrate e spese. Ma la maggior parte dell’ incremento è da attribuire all’ aumento delle disponibilità liquide del Tesoro: salite di 11,6 miliardi, a quota 58,5 miliardi. Via Nazionale spiega poi che gli scarti e i premi all’ emissione e al rimborso, la rivalutazione dei titoli indicizzati all’ inflazione e la variazione dei tassi di cambio hanno nel complesso aumentato il debito di ulteriori 0,4 miliardi. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, Bankitalia precisa inoltre che il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 13,9 miliardi, mentre quello delle Amministrazioni locali di 0,9 miliardi. Il debito degli Enti di previdenza è rimasto pressoché invariato. Se invece si va ad analizzare chi detiene il debito italiano, si vede che nel mese di marzo è tornata ad aumentare la porzione di titoli in portafoglio ai non residenti, superando i 700 miliardi di euro (700,401 per l’ esattezza), contro i 697 circa del mese precedente. A fare i calcoli di quanto l’ aumento del debito di aprile si scarichi sulle tasche dei cittadini sono stati i consumatori di Codacons e Unc secondo cui, considerato che in Italia ci sono 25.386.000 famiglie, è come se ogni famiglia avesse 93mila euro di debito, 93.488 euro per la precisione. Se si considera invece la popolazione residente, affermano le stesse associazioni, è come se ogni italiano avesse un debito di 39mila e 238 euro. Sul fronte degli «incassi», Bankitalia ha invece registrato entrate tributarie in aumento dello 0,7% (0,9 miliardi) nei primi 4 mesi a 122,5 miliardi. Nel solo mese di aprile, invece, sono aumentate dell’ 1,3% (0,4 miliardi) a 30,4 miliardi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox