fbpx
3 Agosto 2017

Il ddl concorrenza ora è legge Arrivano gli sconti su Rc auto

 

ROMA – Sono passati 30 mesi da quando il ddl Concorrenza fu presentato al consiglio dei ministri nel febbraio del 2015. Dopo due anni e mezzo quella norma annuale è diventata finalmente legge e il governo esulta per un risultato che sembrava sempre più difficile da ottenere. Se il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parla soddisfatto di un «impegno mantenuto», anche il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda definisce questa approvazione un «segnale di serietà» per il paese. L’ ok definitivo al provvedimento è arrivato infatti dopo tanti stop e lente ripartenze. In circa 900 giorni di iter parlamentare, il ddl Concorrenza è sopravvissuto a un cambio di ministro competente (il ddl era stato presentato da Federica Guidi, dimessasi a marzo del 2016), a diverse elezioni amministrative e al referendum costituzionale del dicembre scorso. Nonostante i vari incagli, la legge è riuscita a vedere la luce introducendo novità su assicurazioni, professioni, energia, comunicazioni, ambiente, trasporti, turismo, poste, banche e farmacie con l’ obiettivo, sempre secondo Calenda, «di stimolare la crescita, la produttività e consentire ai consumatori di avere accesso a beni e servizi a minor costo». Anche l’ autorità Antitrust si è mostrata soddisfatta per il via libero definitivo, sebbene – con uno sguardo più orientato al futuro – abbia consigliato per la prossima volta di riflettere sull’ utilizzo di uno strumento più «rapido e incisivo», magari mirato su singoli settori rispetto al testo omnibus’ approvato dal Senato. Non si sono invece risparmiati con le critiche i consumatori, i liberi professionisti e gli stessi politici (compresi esponenti del Pd, non a caso il testo è stato approvato con una maggioranza risicata). Il capitolo del provvedimento preso più di mira è stato sicuramente quello sull’ energia. Ad aprire la pioggia di polemiche è stato il presidente della commissione Industria del Senato, Massimo Mucchetti del Partito democratico, che non ha votato la fiducia definendo la legge «un favore a grandi aziende come Enel, Generali, Unipol, Walgreens Boots Alliance e Big Pharma». «Il voto di Mucchetti? Un suo diritto», ha commentato Calenda. Critica anche l’ Unione nazionale dei consumatori: basterebbe la fine del mercato tutelato nel settore dell’ energia – spiega l’ associazione – per esprimere un giudizio negativo «considerato che non vi può essere alcuna concorrenza fino a che, per la luce, i primi cinque operatori detengono l’ 87,8% del settore domestico e per il gas i primi tre gruppi controllano il 44,8% del mercato». La stessa misura secondo il Codacons porterà aggravi di costi per le famiglie, mentre per Federconsumatori consegnerà i cittadini «in pasto a un mercato libero in cui non vi è la minima ombra di competitività e convenienza». Elio Lannutti di Adusbef parla di legge scritta «sotto dettatura delle lobby» che si tradurrà in rincari tariffari di 150 euro l’ anno per i cittadini. A lamentarsi ci sono anche i notai, critici soprattutto sull’ aumento del numero di professionisti. L’ incremento dei notai «sarà programmato tenendo conto solo del rapporto con il numero di abitanti e non della domanda del servizio notarile rilevata in ogni territorio», ha fatto notare il presidente di Federnotai Carmelo Di Marco. Energia, assicurazioni, professioni, comunicazioni, ambiente, trasporti, turismo, poste, banche e farmacie. Sono questi i temi toccati dalla legge. Ecco le principali misure del provvedimento. ENERGIA – La fine del mercato tutelato dell’ energia elettrica e del gas è fissata al 10 luglio 2019. Un altro stop viene messo al monopolio di Poste sull’ invio di multe e notifiche, previsto per settembre 2017. AUTO – Sconti in arrivo per chi installa la scatola nera e per i virtuosi che non causano incidenti da 4 anni pur vivendo nelle province a più alto tasso di sinistri stradali. Entro un anno dall’ entrata in vigore della norma, il governo è delegato ad adottare un decreto sull’ obbligo di installazione della scatola nera. Per il risarcimento danni non patrimoniali da sinistri stradali si userà la tabella unica del Tribunale di Milano. PROFESSIONI – Le società di ingegneri restano fuori dal controllo dell’ Ordine, quelle di avvocati continuano a dover avere fra i soci, per almeno due terzi del capitale sociale, avvocati iscritti all’ albo. SOCIETÀ – Per costituire srl semplificate servirà l’ intervento del notaio. Non è passata la possibilità di farlo solo mediante scrittura privata. FARMACIE – Le società di capitale potranno controllare le farmacie, ma dovranno rispettare un tetto del 20% su base regionale. I farmaci di Fascia C continuano a essere venduti solo in farmacia. HOTEL – La norma Booking vieta il parity rate. Questo significa che gli albergatori potranno praticare prezzi e condizioni migliori rispetto a quelli offerti da intermediari terzi, anche online. «Una grande vittoria per i consumatori, che in precedenza non potevano usufruire degli sconti a causa delle clausole vessatorie imposte dai portali», commenta il presidente di Federalberghi Veneto Marco Michielli. © riproduzione riservata.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox