2 Settembre 2015

Danni alla Barcaccia, i tifosi del Feyenoord saranno processati

Danni alla Barcaccia, i tifosi del Feyenoord saranno processati

Saranno processati anche per i danni provocati alla fontana della Barcaccia alcuni dei 44 tifosi olandesi che ieri l’autorità giudiziaria di Rotterdam ha rinviato a giudizio. L’accusa riguarda i disordini scoppiati la sera del 19 febbraio scorso, quando un nutrito gruppo di supporter del Feyenoord, in trasferta a Roma per una partita di Europa League, aggredì i poliziotti intervenuti per riportare l’ordine. La notizia, che smentisce quanto circolato in queste ultime ore, ha trovato conferma negli ambienti della procura di Roma in continuo contatto con la magistratura olandese. Il 27 novembre prossimo, dunque, i 44 ultrà del Feyenoord dovranno rispondere, a vario titolo, del danneggiamento dell’opera del Bernini, ridotta quel giorno a una discarica e dei reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. La diffusione dell’errata notizia sarebbe legata a un equivoco sorto a Rotterdam tra un avvocato e un giornalista. Da Roma, dove vennero arrestati decine di tifosi, il pm Eugenio Albamonte ha inviato ai colleghi olandesi tutto il materiale (i video, le informative di polizia e la relazione che attestava i danni subiti dalla Barcaccia) ritenuto necessario per punire i responsabili. Nella capitale, un primo processo a carico di sei tifosi protagonisti degli incidenti di quel giorno entrerà nel vivo solo il prossimo 12 gennaio, con il Codacons costituitosi parte civile. Altri due dibattimenti prenderanno il via nelle prossime settimane. In ogni caso, tutti gli imputati “romani” non risponderanno dei danni alla fontana di piazza di Spagna perché il loro arresto scattò in altre zone della città dove fronteggiarono i rappresentanti delle forze dell’ordine.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this