22 Ottobre 2020

Dalle zucchine al taglio dei capelli: cosa è aumentato a Cagliari con il Covid

 

Oggi a Cagliari rispetto ad un anno fa costa di più consumare un caffè o un cappuccino al bar, ma anche farsi visitare da un ginecologo o tagliarsi i capelli. Aumentano anche i prezzi dei generi alimentari. Lo sostiene il Codacons, che ha realizzato una indagine mettendo a confronto prezzi e tariffe al dettaglio in vigore a Cagliari a ottobre 2019 con i listini “post-Covid” praticati oggi in città. In un anno i prezzi dei prodotti alimentari oggetto di indagine sono cresciuti in media del +2,4% “Costa meno acquistare pane, carne di maiale, prosciutto cotto e vongole – spiega il Codacons – mentre si spende il 37,5% in più per le zucchine, ma per l’ ortofrutta l’ andamento dei listini è fortemente diversificato e dipende da numerosi fattori (provenienza dei prodotti, condizioni meteo, produzione e raccolta, ecc.)”. Per acquistare a Cagliari l’ intero paniere alimentare composto da 24 voci si spendono in totale 166,82 euro, contro i 162,92 euro dell’ ottobre 2019 (+2,4%). Situazione analoga sull’ analisi realizzata dall’ associazione dei consumatori per il comparto dei servizi, che registrano incrementi medi del +2,7%. In particolare costano di più le consumazioni al bar (+5% il caffè e il cappuccino, +7,6% il panino) e le visite mediche private (+5,4% il ginecologo, +2% l’ oculista); più costoso anche andare dal parrucchiere, con il taglio donna che passa da una media di 17,9 euro del 2019 agli attuali 21,09 euro (+17,8%). (Unioneonline/F)

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox