6 Marzo 2016

Dalla Rai 280mila euro di stipendio alla Bignardi: il Codacons insorge e interpella la corte dei conti

Dalla Rai 280mila euro di stipendio alla Bignardi: il Codacons insorge e interpella la corte dei conti

AROMA Il compenso che la Rai elargirà al nuovo direttore di Rai3, Daria Bignardi, finisce alla corte dei conti. Il Codacons annuncia infatti un esposto alla magistratura contabile, dopo le indiscrezioni apparse ieri su Il Fatto Quotidiano, secondo cui la Bignardi riceverà uno stipendio compreso tra i 260 e i 280mila euro lordi annui. Un emolumento che, se confermato, sfonderebbe il tetto massimo dei 240mila euro per i dirigenti pubblici. «Chiederemo alla Corte dei Conti di verificare i contratti Rai riservati ai nuovi direttori di rete, e accertare se i compensi stabiliti siano compatibili non solo con le norme vigenti, ma anche con le necessarie politiche di tagli e spending review che hanno investito negli ultimi anni l’ azienda pubblica- spiega il presidente Carlo Rienzi- Non mettiamo in discussione le capacità e la qualità del lavoro della Bignardi e degli altri direttori, ma crediamo che sugli stipendi sia necessaria una attenta valutazione». B.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox