10 Settembre 2012

Dal prossimo anno altri 22 mila professori in cattedra

Dal prossimo anno altri 22 mila professori in cattedra

ROMA – «Dal primo settembre ci sono a ruolo ventiduemila persone. Nel 2013-2014 ce ne saranno altre ventiduemila. Undicimila dalle graduatorie e undicimila attraverso concorso». Parole del ministro dell’ Istruzione Francesco profumo alla Festa del Pd di Modena. A suo giudizio «l’ obiettivo è avere cadenze biennali in modo che questo stop and go vada normalizzato parallelamente al concorso». Si lavorerà, ha aggiunto, «ad un nuovo regolamento per i docenti». L’ intervento del ministro alla Festa del Pd è stato più volte interrotto, con fischi e brusii, da un gruppo di docenti precari emiliani. «Il concorso – ha detto un esponente della Flc-Cgil – è uno spreco di denaro pubblico, sembra uno spot elettorale perché di docenti abilitati ce ne sono tanti e pronti ad abbandonare lo stato di precariato. Abbiamo maturato tutta l’ esperienza necessaria per insegnare». Scambi di battute anche sul dato emerso nei giorni scorsi secondo il quale due edifici scolastici su tre non sarebbe a norma (agibilità statica, agibilità igienico sanitaria, certificato prevenzione incendi». Il Codacons ha inviato un appello ai sindaci invitandoli, nel caso le scuole non fossero in regola, di non aprire i portoni e rinviare l’ inizio delle lezioni. «L’ anno scolastico – è il commento del ministro Profumo – è molto importante per il nostro Paese. Credo che le scuole debbano essere aperte».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox