30 Settembre 2021

Dal 1° ottobre stangata per le famiglie: aumento bollette +29,8% elettricità, +14,4% gas

(Sesto Potere) – Roma – 30 settembre 2021 – Per l’elettricità nel 2021 la spesa annuale per la famiglia-tipo sarà di circa 631 euro, con una variazione del +30% rispetto al 2020 (corrispondente ad un aumento di circa 145 euro su base annua). Mentre la spesa annuale della famiglia-tipo per la bolletta gas nel 2021 sarà di circa 1.130 euro, con una variazione del +15% circa rispetto al 2020 (corrispondente ad un aumento di circa 155 euro su base annua). Per l’elettricità la spesa annua del 2021 è superiore di circa il 13% rispetto a quella pre-Covid del 2019, mentre per il gas si è sostanzialmente tornati ai livelli del 2019.

Le stime sono di Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, che ha calcolato anche gli effetti del decreto urgente che il Governo Draghi ha varato stanziando un fondo per attutire l’impatto dei rincari per le famiglie meno abbienti: per oltre 3 milioni di nuclei familiari aventi diritto ai bonus di sconto per l’elettricità e per 2,5 milioni che fruiscono del bonus gas, in base all’ISEE, gli incrementi tariffari saranno sostanzialmente azzerati, almeno per il prossimo trimestre.

Il Codacons commentando gli aumenti disposti da Arera parla di “maxi-stangata per i consumatori italiani”, evidenziando che “nemmeno il Governo è riuscito ad impedire l’abnorme aumento delle tariffe luce e gas.”

“L’azione del Governo ha limitato gli incrementi tariffari ma non ha evitato la batosta che da domani, venerd’ 1° ottobre, si abbatterà sulle tasche delle famiglie – spiega il presidente del Codacons Carlo Rienzi – Solo nel 2021 il forte incremento delle bollette è costato in totale +300 euro annui a nucleo (+145 euro la luce, +155 euro e il gas), e i fortissimi rincari decisi da Arera avranno impatti anche sulla spesa energetica del 2022”.

In base alle stime del Codacons, in caso di tariffe costanti dell’energia e in assenza di nuove misure del Governo per abbattere le bollette, l’aggravio di spesa per ogni singola famiglia determinato dall’aumento deciso dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente sarà pari a circa +338 euro nel 2022 (+183 euro la luce, +155 euro il gas).

“Le misure varate dal Governo per il prossimo trimestre non bastano, perché avranno effetti solo a tempo determinato: servono interventi strutturali per contenere la crescita delle bollette energetiche e ridefinire i criteri di calcolo delle tariffe, partendo dall’abolizione del canone Rai dalle bollette elettriche”: conclude Rienzi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox