23 Aprile 2018

Dai carburanti agli alloggi: viaggi più cari per i Ponti di Primavera

 

Il ponte del 25 aprile e quello dell’1 maggio saranno all’insegna dei rincari. Allarme caro-prezzi sui servizi legati ai viaggi degli italiani durante le prossime festività.

Il ponte del 25 aprile e quello dell’1 maggio saranno all’insegna dei rincari sul fronte dei viaggi. Lo afferma il Codacons, che lancia l’allarme caro-prezzi sui servizi legati ai viaggi degli italiani durante le prossime festività.

“La prima voce che appare in aumento è quella relativa ai carburanti, con un pieno di diesel che costa oggi il 3,1% in più rispetto allo stesso periodo del 2017, mentre per la benzina il rincaro è del +1,5%” spiega il presidente dell’associazione dei consumatori Carlo Rienzi.

“Ciò significa un maggior esborso a carico delle famiglie che decideranno di spostarsi in auto. Andrà peggio a chi sceglierà l’aereo, con i prezzi dei biglietti in crescita fino al +20% rispetto alle tariffe in vigore lo scorso anno, mentre risultano in lieve diminuzione i costi dei trasporti marittimi e quelli ferroviari” sottolinea Rienzi.

Brutte notizie anche per chi sceglierà villaggi vacanza o ha optato per pacchetti completi con destinazioni estere: per entrambe le soluzioni occorrerà mettere in conto una maggiore spesa di circa il +6% rispetto al 2017. Aumenti dei prezzi si registrano anche per alberghi e strutture ricettive in generale, ma i rincari appaiono più contenuti anche se superiori al tasso di inflazione, segnala il Codacons.

“La spesa complessiva degli italiani per i viaggi dei ponti del 25 aprile e dell’1 maggio crescerà del +15% rispetto allo scorso anno, ma a determinare il maggior esborso saranno principalmente i rincari di prezzi e tariffe nel settore dei trasporti e in quello vacanziero” conclude il presidente Rienzi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox