fbpx
19 Settembre 2015

CROLLO PONTE VERDURA, IL CODACONS SI COSTITUSICE PARTE CIVILE

CROLLO PONTE VERDURA, IL CODACONS SI COSTITUSICE PARTE CIVILE

19/09/2015 06:12 L’ appuntamento è fissato per il 20 novembre prossimo quando il gup del Tribunale di Sciacca, Roberta Nodari, deciderà sulla richiesta della Procura della Repubblica di rinvio a giudizio per i dipendenti Anas Antonino Tumminiello, capocantiere, (difeso dall’ avvocato Giovanni Vaccaro) e Ignazio Calvaruso, capo del nucleo di manutenzione, (difeso dagli avvocati Mimmo lagatà e Celestino Cardinale). Secondo le indagini coordinate dal sostituto procuratore Michele Marrone, i due sarebbero responsabili per i mancati controlli che avrebbero dovuto effettuare sulla struttura. Secondo gli inquirenti, il ponte ha subito un graduale deterioramento, fino al crollo avvenuto all’ alba del 2 febbraio 2013. Intanto, il Codacons si è costituito parte civile. La richiesta è stata accolta dal gup Roberta Nodari.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox