15 Ottobre 2021

Crollo del Ponte Morandi: inizia udienza preliminare per 59 imputati

L’udienza preliminare dell’indagine sul crollo del Ponte Morandi è iniziata questa mattina alle 9.30 nella tensostruttura bianca che occupa il cortile del tribunale di Genova. La procura ha chiesto per il crollo del ponte avvenuto il 14 agosto 2018 il rinvio a giudizio per 59 indagati, comprese le società Autostrade per l’Italia e Spea. Gli iscritti al registro degli indagati erano stati in tutto 69. La prima udienza preliminare davanti al giudice sarà chiusa al pubblico: dopo l’appello delle parti ci sarà la presentazione delle parti civili. Tra queste anche il comune di Genova, la Regione Liguria e i sindacati confederali Cgil, Cisl, Uil e Adoc.

Autostrade per l’Italia ha già risarcito la maggior parte dei familiari delle 43 vittime del Ponte Morandi, pagando i danni anche a coloro che sono rimasti feriti. I familiari di chi ha perso la vita, però, potrebbero decidere di prendere comunque parte all’udienza preliminare come parti civili. L’istanza dell’avvocato Raffaele Caruso, che rappresenta il comitato in ricordo degli abitanti e delle imprese della zona distrutta dal crollo, chiede che i familiari delle vittime possano essere inseriti tra le parti civili non per ottenere altri risarcimenti, ma per essere parte attiva durante le udienze.

Le parti offese sono 357: i parenti delle 43 persone uccise, i feriti e i traumatizzati, le associazioni Assoutenti, Adoc, Adiconsum e Codacons. La maggioranza però, già risarcita da Autostrade per l’Italia, non sarà parte civile. La posizione di coloro che invece vorranno e potranno unirsi sarà valutata dal giudice per le indagini preliminari Paola Faggioni. Per quanto riguarda i 59 indagati, l’accusa è di omicidio colposo plurimo, crollo colposo, omicidio stradale, attentato alla sicurezza dei trasporti, falso e omissione dolosa di dispositivi di sicurezza sui luoghi di lavoro.

La richiesta di ricusazione del Gup

Gli avvocati di Autostrade per l’Italia hanno chiesto la ricusazione del Gup Paola Faggioni che si era già pronunciato in qualità di Gip su alcuni indagati. La decisione sarà presa entro pochi giorni ma nel frattempo continua il processo nei confronti dei 59 indagati. Il giudice è chiamato a valutare le ipotesi di accusa in contraddittorio con le argomentazioni portate dalla difesa. Secondo gli investigatori del Primo Gruppo della Guardia di finanza, gli indagati conoscevano le condizioni del viadotto Morandi ed erano consapevoli dei rischi. L’unico intervento di messa in sicurezza mai effettuato, avvenne nel 1993 sulla pila 11 del ponte. Mai toccata invece la pila 9, quella che ha provocato la tragedia. La corrosione in quel punto dell’infrastruttura era pari al 90%. I lavori strutturali più grossi sono stati rinviati per poter risparmiare secondo una logica “imposta dall’alto”. Proprio per questo motivo, anche i vertici di Autostrade e Spea siederanno al banco degli imputati. L’accusa è di non aver controllato sulla regolarità e la sicurezza. Il procuratore di Genova Francesco Pinto ha dichiarato nei giorni scorsi a Primocanale di essere stupito in quanto inquirente dalla “sfrontatezza e dal cinismo di alcuni indagati davanti al crollo del Ponte Morandi. Mi ha stupito come parlavano della sicurezza. Quel 14 agosto sono passato sul ponte con mia moglie appena 15 minuti prima del crollo”.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox