12 Agosto 2011

CRISI: CONSOB, STOP A VENDITE ALLO SCOPERTO PER 15 GIORNI

    CODACONS: ERA ORA, MA 15 GIORNI NON BASTANO

    CODACONS CHIEDE DI TASSARE LE TRANSAZIONI FINANZIARIE

     

    La Consob ha deliberato oggi lo stop alle vendite allo scoperto. Le disposizioni sono scattate da stamattina, dall’apertura della borsa, e resteranno in vigore per quindici giorni.
    "Era ora! Ma 15 giorni non bastano" E’ il commento del Codacons che, esattamente un mese fa, aveva già chiesto questo provvedimento. Per l’associazione di consumatori, infatti, è indispensabile bloccare chi, giocando in borsa, specula e guadagna allegramente senza neanche doverci mettere i soldi, mettendo a rischio la stabilità finanziaria di un Paese.
    Ma questa misura, che si auspica sia presa a livello mondiale, e non solo per Francia, Italia, Spagna e Belgio, è necessario divenga permanente e non riguardi solo i titoli bancari ed assicurativi. Non si capisce, infatti, perché si debba consentire a qualcuno di poter cedere qualcosa senza nemmeno possederla realmente.
    Infine il Codacons chiede che il Governo, nelle misure anti-crisi, aggiunga  una tassazione delle transazioni finanziarie, come era stato originariamente previsto nella prima versione della manovra e poi misteriosamente scomparso a favore di un ben più ingiusto aumento del bollo sul dossier titoli, che colpisce indiscriminatamente risparmiatori e speculatori. Il risparmiatore medio italiano, infatti, fa pochissime transazioni in vita sua, a differenza degli speculatori che ogni giorno vendono e comprano per guadagnare sulle differenze di prezzo.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox