24 Novembre 2011

CRISI: BERSANI, IVA TEMA DELICATISSIMO PERCHE’ TOCCA INFLAZIONE

    CRISI: BERSANI, IVA TEMA DELICATISSIMO PERCHE’ TOCCA INFLAZIONE CODACONS: BERSANI HA RAGIONE, GIU’ LE MANI DALL’IVA CON AUMENTO IVA DAL 21 AL 23% INFLAZIONE SI ALZA MINIMO DELLO 0,78% E STANGATA DA 418 EURO PER FAMIGLIA DI 3 PERSONE

     
    Il segretario del PD Pier Luigi Bersani ha dichiarato oggi, sull’ipotesi di aumentare l’Iva, che "è un tema delicatissimo" perché "quando si muove un punto succede qualcosa in tema di inflazione". 
    Il Codacons condivide in pieno la preoccupazione di Bersani, non a caso dopo il ritocco dell’Iva fatto dal Governo Berlusconi, nonostante il calo della domanda,  l’inflazione è passata dal 2,8% di agosto al 3,4% di ottobre, con un aumento congiunturale, da settembre ad ottobre, dello 0,6%, dovuto, come riportato dall’Istat, agli "effetti delle misure previste dalla recente manovra finanziaria (Legge n. 148/2011) e, in particolare, dell’aumento dell’aliquota dell’Iva ordinaria al 21%".
    Inoltre se Monti vuole ripetere gli stessi errori di Berlusconi non si capisce perché abbia preso il suo posto, visto che il Governo precedente ci ha portati sull’orlo del default.
    Il Codacons ha stimato i possibili effetti di un aumento dell’Iva dal 21 al 23%. Per la famiglia media Istat da 2,5 componenti sarebbe una stangata pari, su base annua, a 352 euro, limitandosi a calcolare il solo effetto diretto, ipotizzando cioè che non ci siano arrotondamenti dei prezzi. Per una famiglia di 3 persone sarebbe una tassa da 418 euro, sempre senza aggiustamenti. L’impatto sull’inflazione, in assenza di speculazioni, sarebbe pari allo 0,78%.
    Se, invece, come prevede e teme l’associazione di consumatori, si verificassero gli arrotondamenti, come accaduto in passato, l’impatto finale sui prezzi sarebbe, a regime, dell’1,03%, con effetti devastanti per le famiglie e preoccupanti per l’aumento dell’onere del debito pubblico.
    Per queste ragioni il Codacons chiede la patrimoniale, indispensabile per una seria lotta all’evasione, dato che consente di andare ad intercettare la ricchezza laddove si manifesta: auto di lusso, terreni, seconde case, yacht…. Inoltre chiede che sia ripristinato il contributo di solidarietà previsto nella prima bozza della manovra di agosto che avrebbe dato un gettito pari a 1,5 miliardi all’anno

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox