16 Dicembre 2019

CRAC BANCA POPOLARE DI BARI: TUTTI GLI AZIONISTI POSSONO AGIRE CON IL CODACONS PER CHIEDERE IL RISARCIMENTO

    Crac Banca Popolare di Bari: costituisciti anche tu con il Codacons persona offesa nel procedimento penale e chiedi il risarcimento!

    I FATTI

    La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari sta indagando sull’operato degli ex dirigenti della Banca Popolare di Bari negli ultimi anni. Tra i reati contestati: truffa, associazione per delinquere, corruzione, ostacolo all’attività di vigilanza e fale dichiarazioni nei prospetti informativi depositati presso la Consob tra il 2013 ed il 2016.

    Questa mala gestione potrebbe essere la causa del dissesto bancario che ha portato alla recente procedura di amministrazione straordinaria e alle perdite subite da migliaia di risparmiatori che avevano impiegato nella propria banca i propri investimenti.

    I RISPARMIATORI

    Il Codacons intende tutelare tutti i risparmiatori coinvolti in questa vicenda – sia azionisti banca popolare di Bari che ex azionisti Banca Tercas – che hanno il diritto di vedersi risarcire i danni subiti, materiali che morali.

    Il Codacons ha deciso di mettere a disposizione dei propri iscritti gli strumenti utili in questa fase delle indagini e cioè:

    1 – la nomina di persona offesa da depositare presso il Tribunale di Bari. La nomina di persona offesa è il primo atto che permette di segnalare la propria posizione agli inquirenti. In caso di rinvio a giudizio si potrà, successivamente, effettuare la costituzione di parte civile allo scopo di ottenere il risarcimento dei danni subiti. Il Codacons, se vorrai, ti assisterà anche nella successiva costituzione in giudizio, ai costi che ti verranno indicati.

    2 – una richiesta di documentazione ex artt. 117 e 119 T.U.B. indirizzata alla banca, insieme a una formale diffida per la richiesta di risarcimento del danno nei confronti della banca stessa.

    Questi due strumenti sono necessari sia per partecipare all’eventuale giudizio penale, in caso di rinvio a giudizio da parte della Procura di Bari, sia per intraprendere una eventuale autonoma azione civile per chiedere il risarcimento del danno subito. Tale risarcimento potrà essere chiesto non solo nei confronti di chi ha commesso il reato ma anche a coloro che avrebbero potuto evitare tale danno e non lo hanno fatto, e/o alla stessa banca di Bari per come ha venduto le proprie azioni.

    Se sei anche tu un azionista della Banca Popolare di Bari o ex azionista della Banca Tercas, agisci con il Codacons per chiedere il risarcimento di tutti i danni subiti, materiali e morali.

    PER ISCRIVERTI

    Aderendo, potrai gratuitamente scaricare la nomina di persona offesa e la richiesta di documentazione alla banca con formale diffida al risarcimento del danno.

    Per iscriverti a questa azione clicca qui.

        Previous Next
        Close
        Test Caption
        Test Description goes like this
        WordPress Lightbox