16 Marzo 2013

«Crac Costruttori, puntiamo al rimborso dei vostri risparmi»

«Crac Costruttori, puntiamo al rimborso dei vostri risparmi»

 

«NON FATEVI prendere dallo sconforto, non vi dovete scoraggiate: la condanna dei responsabili non è il nostro obiettivo principale. Noi puntiamo come priorità al rimborso dei risparmi e anche al pagamento dei danni biologici riconosciuti per malattia o anche in caso di morte». Con queste parole il vicepresidente nazionale del Codacons, Maurizio Barbieri (nella foto ), ha aperto l’ altra sera alla sala Mercato di Argenta, l’ assemblea dei soci del Carpsac 2, che si sono rivolti appunto all’ associazione di tutela dei consumatori per agire in via legale con lo scopo di recuperare i soldi persi nel crac finanziario della Coopcostruttori. «L’ obiettivo che perseguiremo in sede civile ? ha proseguito Barbieri ?, magari in collaborazione con gli altri avvocati che si sono costituti parti civili per terzi, per ottenere il massimo risultato possibile contro le tre società dei revisori dei conti e della Lega delle cooperative, che, al contrario dei dirigenti hanno molta solvibilità. Alla fine vinceremo la guerra, anche se ne avremo per circa due anni». L’ incontro era stato organizzato dal comitato di coordinamento di Massimo Cricca per parlare della recente sentenza processuale e l’ assise ha puntato l’ indice contro «la sentenza ingiusta, che ha deluso, basata su fattori di incompetenza e dolo, piuttosto che di colpe ed intenzionalità». L’ incontro è stato proprio l’ occasione per fare il punto sulla situazione alla luce, come detto, delle sentenze emesse dal tribunale di Ferrara, di cui ora si attende di leggerne le motivazioni, previste per il 16 maggio. «A quel punto ? ha spiegato Barbieri all’ affollata riunione ? presenteremo gli atti di citazione, che sono già pronti. In quale tribunale lo dobbiamo ancora decidere, ma di certo per noi è irrilevante l’ esito della causa penale, che sarà comunque impugnata dalla procura, ed avrà altri strascichi in Appello». Sui 2.000 euro di provvisionale disposti dal giudice per ogni socio a carico dei responsabili, Barbieri si è dimostrato oltremodo scettico, affermando che «è difficile che avvenga: il loro patrimonio non sarebbe assolutamente sufficiente, nemmeno a coprire la provvisionale di diecimila euro».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this