13 Novembre 2020

COVID: PROCURA DI PERUGIA INDAGA A SEGUITO DI ESPOSTO CODACONS

     

    ASSOCIAZIONE COMMENTA: BENE PROCURATORE CANTONE, ALTRE PROCURE IN TUTTA ITALIA PRONTE AD ATTIVARSI

    ECCO COSA SCRIVEVA IL CODACONS NELL’ESPOSTO

    A seguito dell’esposto presentato dal Codacons, la prima Procura della Repubblica indaga sulla seconda ondata di Covid, per verificare le responsabilità della P.A. in merito alla grave situazione in cui versa la sanità italiana.
    Lo afferma il Codacons, commentando l’apertura di un fascicolo da parte della Procura di Perugia, avviato su impulso del procuratore capo Raffaele Cantone cui l’associazione aveva presentato formale denuncia.
    “La prima Procura italiana ha aperto una inchiesta a seguito del nostro esposto presentato la settimana scorsa, e ora altre procure in tutta Italia stanno vagliando gli esposti del Codacons finiti sul tavolo della magistratura – spiega il presidente Carlo Rienzi – Riteniamo un atto doveroso indagare su chi aveva il compito di garantire il funzionamento degli ospedali e la disponibilità di un numero adeguato di posti letto nei reparti di terapia intensiva, alla luce di una serie di reati che potrebbero emergere in caso di omissioni o negligenze”.
    Nell’esposto inviato alla Procura di Perugia il Codacons chiedeva di “accertare se, nonostante i numerosi DPCM, i Decreti Legge, le Ordinanze del Ministero della Salute, le circolari, le numerose Ordinanze emanate contenente impegni alla concreta utilizzazione dei fondi volte sia all’incremento delle terapie intensive e dei posti letto, sia all’acquisto di presidi ospedalieri, ventilatori, mascherine e quanto altro necessario per essere pronti in caso di una prevista seconda ondata di pandemia e non trovarsi al collasso come nella prima fase, la Regione, nonostante il tempo e i fondo necessari per il potenziamento delle strutture ospedaliere, non sia stata in grado di adempiere agli gli impegni assunti, e se possano sussistere ritardi od omissioni sul fronte della sanità pubblica e dunque se possano configurarsi fattispecie penalmente rilevanti quali concorso in omissione di soccorso, omesso controllo e vigilanza, ritardo nel compimento degli atti di ufficio, concorso in epidemia colposa, reati di cui agli artt. 328 c.p. reato di rifiuto di atti d’ufficio. Omissione, reato di cui all’art. 323 c.p., ritardo e omissione di atti d’ufficio e mancata ottemperanza ai DPCM, ai Decreti Legge, alle Ordinanze del Ministero della Salute”.
    Il Codacons ha infine chiesto alla magistratura il sequestro di tutti i documenti relativi all’attività posta in essere dall’amministrazione sul fronte della gestione delle strutture sanitarie da marzo ad oggi e nello specifico:
    a) Atti e/o documenti attestanti la cifra complessiva dei fondi sino ad oggi raccolti, e le effettiva utilizzazione a sostegno delle strutture ospedaliere in particolare con riferimento all’incremento dei posti letto in terapia intensiva e alla predisposizione di appositi padiglioni Covid con ulteriori posti letto,
    b) Quali le misure concretamente adottate dalla Regione in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox