19 Dicembre 2020

COVID: I MEDICI DI FAMIGLIA DEVONO CURARE ANCHE I MALATI DI CORONAVIRUS

    IL CONSIGLIO DI STATO ANNULLA LA SENTENZA DEL TAR ACCOGLIENDO L’APPELLO DELLE REGIONI E DEL CODACONS

    I medici di famiglia devono curare anche i malati di Covid. Lo ha affermato il Consiglio di Stato accogliendo il ricorso promosso dalle Regioni col sostegno del Codacons e ribaltando la precedente sentenza del Tar Lazio.
    I giudici della terza sezione del Cds hanno infatti accolto le richieste del Codacons, intervenuto in giudizio a sostegno delle tesi delle regioni, affermando che:
    “Esaminata la norma con le giuste lenti, e sgomberato il campo dalle suggestioni scaturenti dagli erronei postulati sopra esaminati, appare chiaro che il senso della disposizione emergenziale in commento sia quello di alleggerire i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e i medici di continuità assistenziale, dal “carico” derivante dall’esplosione pandemica, affiancando loro una struttura capace di intervenire a domicilio del paziente, a richiesta dei primi, ove questi, attanagliati da un fase di così diffusa morbilità e astretti dalle intuibili limitazioni temporali e fisiche, o anche legate all’indisponibilità temporanea di presidi efficaci, non possano recarsi al domicilio del paziente, o ritengano, in scienza e coscienza, nell’ambito della propria autonoma e libera valutazione medica, che sia necessaria o preferibile l’intervento della struttura di supporto. 10.1. Nessuna deroga ai LEA, quindi, ma garanzia della loro effettività attraverso un supporto straordinario e temporaneo – gli USCAR – destinato ad operare in sinergia e nel rispetto delle competenze e prerogative dei medici di medicina generale e degli altri medici indicati.
    Trarre dalle disposizioni in commento, un vero e proprio divieto per i medici di medicina generale di recarsi a domicilio per assistere i propri pazienti alle prese con il virus, come sostenuto in prime cure, costituirebbe, per converso, un grave errore esegetico, suscettibile di depotenziare la risposta del sistema sanitario alla pandemia e di provocare ulteriore e intollerabile disagio ai pazienti, che già affetti da patologie croniche, si vedrebbero (e si sono invero spesso visti), una volta colpiti dal virus, proiettati in una dimensione di incertezza e paura, e finanche abbandonati dal medico che li ha sempre seguiti”.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox