8 Dicembre 2020

Covid, è già corsa all’esodo di Natale: molti treni per la Puglia già esauriti e biglietti degli aerei alle stelle: 299 euro per un Milano-Bari

di Cenzio Di Zanni È cominciata la corsa alla ricerca di un posto libero a bordo di treni e aerei diretti verso sud a ridosso delle festività natalizie, prima che scattino le misure previste dall’ultimo Dpcm firmato dal premier, Giuseppe Conte. E dunque lo stop agli spostamenti fra regioni in vigore dal 21 dicembre al 6 gennaio. Sul sito di Trenitalia, per esempio, acquistare un biglietto per salire su alcuni convogli in partenza da Milano e diretti a Lecce, passando per Bari, è già più complicato. Anche perché i posti in vendita sono ridotti del 50 per cento rispetto alla capienza dei treni, in modo da assicurare il distanziamento a bordo. Ecco qualche esempio.
La fuga dal Nord
Prendiamo il 19 dicembre, ovvero il sabato precedente allo stop agli spostamenti, e supponiamo di voler viaggiare in treno di notte. L’Intercity notte 765 in partenza da Milano alle 19,50 o l’altro convoglio dello stesso tipo che lascia la stazione Centrale un’ora dopo sono off-limits. Tocca cercare soluzioni che prevedano cambi in altre stazioni intermedie lungo la tratta e trovare l’incastro giusto fra i convogli in programma. Il che inizia a essere più macchinoso. E bisogna ripetere i tentativi.

Per esempio: sul Frecciarossa 9519 delle 8,10 Milano-Bologna e poi sull’Intercity 605 che parte circa mezz’ora dopo dal capoluogo emiliano e arriva a Bari Centrale alle 17,05 i posti sembrano al completo. Va meglio se si opta per il Regionale 2457 delle 8,15 Milano-Piacenza, poi per il Regionale Veloce 3915 diretto a Faenza e da lì per l’Intercity 607 delle 12,28 che taglia il traguardo barese alle 19. Qualche altra combinazione c’è, sempre per sabato 19 dicembre, il giorno più gettonato soprattutto dai lavoratori (gli studenti hanno più margini per pianificare i loro spostamenti). Sul Regionale veloce 2465 Milano-Bologna delle 12,15, per esempio, i posti ci sono. Una volta scesi lì è possibile prendere l’Intercity 611 verso Bari.

Su altri convogli trovare un posto libero, in certi casi, è un po’ come trovare un ago in un pagliaio. Soprattutto sulle Frecce. La combinazione tra il Frecciarossa 9539 da Milano a Bologna e il Frecciabianca 8811 da lì a Bari non porta frutti. È così anche per il Frecciargento Milano-Bari 8819 delle 16,05. Invece ci sono margini di manovra, se decidessimo di partire alle 14,10 dal capoluogo lombardo per poi scendere a Bologna e risalire sul Frecciargento delle 17,45: i due biglietti verrebbero 132,90, secondo il sito di Trenitalia. A meno che non si scelga di fare scalo a Roma partendo da Milano alle 14,10 con il Frecciarossa che arriva nella capitale alle 17,59, e poi correre verso il Frecciargento delle 18,05 in partenza verso Bari. Costo: 205 euro.

Dalle altre città
Lasciamo Milano – che da più parti, compreso il governatore Michele Emiliano, è stata definita come “la città più pugliese al di fuori della Puglia” – e proviamo a cercare treni da Torino e Venezia. Sempre per il 19 dicembre. Anche dal capoluogo piemontese, mettendo in conto di fare scalo in altre stazioni e cambiare convogli, inizia a diventare più difficile trovare un posto. Già dalle 7, quando il Frecciarossa 9519 lascia i binari nella stazione di Porta Nuova verso Bologna Centrale. C’è posto sul Frecciarossa 9543 delle 13 diretto a Roma Termini, però, dove bisogna cambiare per il Frecciargento delle 18,05 (i biglietti sono in vendita a 209 euro). Più economica risulta la combinazione tra lo stesso Frecciarossa, da cui bisogna scendere a Bologna Centrale alle 15,24, e l’Intercity 611 che va a Bari alle 16: il costo è 131 euro. In altre fasce orarie i convogli iniziano a risultare pieni.

Da Venezia la ricerca va decisamente meglio: su dieci combinazioni offerte dal sito di Trenitalia nella fascia oraria che va dalle 8 alle 15,30 soltanto quattro risultano al completo. E i biglietti non superano i 110 euro. Se si sceglie di partire nel pomeriggio o nella tarda serata, invece, sulle quattro combinazioni proposte dal motore di ricerca della compagnia ferroviaria, tre risultano non disponibili. Qualche spiraglio c’è viaggiando di notte. Per esempio con partenza dalla stazione di Santa Lucia alle 23,05, arrivo a Roma alle 6,35 della domenica successiva e ripartenza verso Bari alle 7,28.

Trenitalia nega l’assalto ai treni

“Non si registrano al momento picchi di acquisti per viaggi sui treni nazionali di Trenitalia, Frecce e Intercity, nelle prossime settimane”, dicono dall’azienda. E poi: “Non potrà ripetersi il temuto ‘assalto al treno’ per due motivi”. Da un lato perché, come detto, l’offerta dei posti è dimezzata. Dall’altro perché “le persone – sostiene Trenitalia – sono abituate a queste regole a differenza di quanto era successo a marzo”. Dunque, i posti ci sono e, secondo gli addetti ai lavori, è opportuno fare una ricerca anche prevedendo più scali in altre stazioni della tratta verso la destinazione. E se le associazioni dei consumatori come il Codacons minacciano ricorsi all’Antitrust e al ministero dei Trasporti contro il caro biglietti (anche quelli aerei) dopo l’ultimo Dpcm del premier, Trenitalia ribatte: “I prezzi per viaggiare sugli Intercity e sulle Frecce durante il periodo natalizio non sono rincarati né è prevista alcuna variazione. Il listino con i prezzi base è immutato da oltre un anno”.

Gli aerei

Simulando la prenotazione di un volo da Milano a Bari sul sito web di Alitalia, sempre per sabato 19 dicembre, la compagnia mette sul piatto due collegamenti: quello diretto in partenza alle 17 da Linate a 299 euro e quello delle 7 con scalo a Fiumicino alle 8,10 e ripartenza dalla capitale un’ora dopo. Il costo del biglietto, in quest’ultimo caso, parte da 182 euro (sola andata). In ogni caso, alcuni voli da Milano a Roma, sono “Covid-tested”, dunque l’imbarco è consentito soltanto a chi risulta negativo al tampone rapido eseguito in aeroporto oppure mostri l’esito di un tampone molecolare o rapido eseguito nelle 72 ore che precedono il volo. Inoltre, la compagnia di bandiera assicura che fino al 31 dicembre è consentito cambiare biglietto gratis una volta sola (al netto di eventuali “integrazioni tariffarie, se la prenotazione non fosse disponibile”). Per tornare da Roma la soluzione è una: il volo in partenza da Fiumicino alle 9,15 (costo: 130 euro, sola andata).

Sul fronte delle low-cost, invece, alcuni collegamenti previsti nella tabella di marcia del 19 dicembre sono off-limits. È il caso del volo Ryanair Bergamo-Bari delle 8,55. Va meglio alle 15,25 o alle 22,15. Ma per mettere in tasca un biglietto servono 171 euro di base (sola andata). Che scendono a 36 se si parte nello stesso giorno dall’aeroporto di Roma-Fiumicino alle 8,10 (unica soluzione sul sito della compagnia irlandese). Acquistate un biglietto per il volo easyJet Malpensa-Bari delle 7,20 costa 157 euro (sola andata). Nelle famiglie è iniziata la corsa al biglietto. Secondo l’assessore regionale alla Salute, Pier Luigi Lopalco, si attendono 30 mila rientri in occasione delle festività natalizie. Anche perché più di mezza Puglia è in zona gialla.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox