21 Giugno 2015

Cota nell’ aula di Rimborsopoli: “Trattato da ladro, che disonore”

Cota nell’ aula di Rimborsopoli: “Trattato da ladro, che disonore”

l’ ex presidente della regione cota ha reso dichiarazioni spontanee: le mutande verdi finite tra le spese per sbaglio.
Le mutande verdi? «Una montatura giornalistica». I 115 scontrini contestati dalla procura? «Altro che bugie, sicuramente ho fatto spese per importi ben superiori a quanto rimborsato». È il giorno delle dichiarazioni spontanee dell’ ex presidente Roberto Cota, accusato di peculato nel processo per Rimborsopoli in Regione. Completo blu e sorriso d’ ordinanza, arriva accompagnato dagli avvocati Guido Carlo Alleva e Domenico Aiello. Incrocia Augusta Montaruli (anche lei difesa da Alleva) che ha scelto di fare spontanee dichiarazioni. Appena incomincia a parlare davanti ai giudici, le sale un groppo in gola. Le rimarrà per tutto il tempo (quasi un’ ora) delle dichiarazioni concordate con i difensori. Poi tocca a Cota. Ha rinviato un paio di volte l’ appuntamento con i giudici. E così, è arrivato oltre i ballottaggi delle regionali. Combinazione. Voleva anche rispondere alle domande di accuse e difesa, poi ha cambiato idea, consigliato dai suoi legali. Aveva appena ricevuto dall’ avvocato Tiziana Sorriento (parte civile per Codacons) il mini-dossier raccolto sulle spese di rappresentanza della presidenza della giunta. Soldi che fino a ieri ha sempre detto ai cronisti di «non aver toccato». In aula, parla della «maledetta vicenda delle cosiddette mutande verdi», utilizzate per «attacchi mediatici e strumentalizzazioni». «Erano pantaloncini» e lo scontrino è finito «per errore» nelle spese legate a un viaggio di lavoro al Mit di Boston. Per quella e altre spese, vale lo stesso discorso: «Il vaglio non lo facevo io. Al mattino scaricavo queste spese e chiedevo di fare una verifica incrociando i dati dell’ agenda. Se ci sono stati errori, sono avvenuti sicuramente in buona fede». Dopo Cota è la volta di Andrea Stara che tra le accuse ha pure quella di aver acquistato un tagliaerba e una sega circolare. «Quella storia mi pesa come un macigno, me lo sogno anche di notte». Di entrambi, «non ne so proprio nulla, mi sembra strano».
claudio laugeri
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox