fbpx
26 Luglio 2002

Cosa fare dopo le denunce ai Cc

Cosa fare dopo le denunce ai Cc
E le organizzazioni
a tutela dei truffati
si sono mobilitate





Cresce la rabbia dei turisti rimasti vittime della chiusura dell`agenzia turistica Orbis Tours di Carpi (Mo) presso la quale avevano prenotato viaggi in Italia e all`estero. In molti hanno fatto la denuncia ai Carabinieri, ma resta il fatto che hanno perso denaro e la loro vacanza da sogno. A seguito della grave vicenda si stanno attivando le organizzazioni per la tutela dei loro diritti.
Federconsumatori, insieme al Movimento Consumatori e ad Adiconsum gestisce da sei anni, sul territorio di Modena e provincia, lo “sportello s.o.s turista“, che gode di una già affremata dignità in casi di questo tipo. «A Mestre e a Venezia – dichiara il responsabile di Federconsumatori, Mauro Zanini – abbiamo tutelato alcuni turisti truffati che sono riusciti ad ottenere un risarcimento con fondo nazionale di garanzia». La procedura prevede la presa in esame i singoli casi avvalendosi del decreto 111, del codice civile e penale e del fondo nazionale di garanzia; poi procederà con misure di assistenza. Il servizio ha un costo di 20 euro per le spese di legali e competenze. La struttura riceve, con i propri legali, in Via Scudari, 12 a Modena con i seguenti orari: il martedì dalle 15.30 alle 18.30 e il giovedì e sabato dalle 9.30 alle 12.30. Il recapito telefonico è: 059 206660. E-mail: iatmoØcomune.modena.it
Per un primo contatto è possibile rivolgersi alla sede Federconsumatori di Carpi il martedì dalle ore 9 alle 12 e il giovedì dalle 15.30 alle 18.30, telefono: 059 685660, Via 3 febbraio, 1, Carpi o presso l`Adiconsum di Carpi c/o Cisl, telefono 059 685660.
Anche il Codacons invita i truffati a mettersi in contatto con l`associazione, chiamando il numero verde 800 050800.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox