16 Marzo 2020

CORONAVIRUS: ODISSEA PER 15 ITALIANI BLOCCATI ALLE MALDIVE. VIAGGIO SI TRASFORMA IN INCUBO

     

    INFORMAZIONI CARENTI E CONTRADDITTORIE DA ALITALIA, “ABBANDONATI A NOI STESSI E COSTRETTI AD ACQUISTARE A NOSTRE SPESE I BIGLIETTI PER IL RIENTRO”

    CODACONS PRONTO A DENUNCIARE LA COMPAGNIA AEREA SE NON RISARCIRA’ I VIAGGIATORI PER I DANNI ARRECATI

    Un viaggio alle Maldive che si trasforma in un incubo. Questa l’odissea vissuta da 15 cittadini italiani in vacanza dal 5 marzo scorso alle Maldive, e che si sono visti cancellare il volo di rientro senza ottenere adeguata assistenza da parte di Alitalia.
    Il gruppo, che si è rivolto al Codacons per ottenere assistenza legale, avrebbe dovuto rientrare in Italia lo scorso 14 marzo, con un volo operato da Alitalia – spiega l’associazione – Dopo appena due giorni di vacanza, il 7 marzo, la compagnia aerea informa i 15 viaggiatori che il loro volo veniva cancellato a seguito dell’emergenza coronavirus, fornendo agli stessi i contatti telefonici utili per ottenere assistenza per il rientro. E qui inizia una vera e propria odissea: i numeri messi a disposizione da Alitalia risultano sempre occupati, oppure se la linea è libera nessuno risponde. Dopo ore e ore di attesa e molteplici tentativi, finalmente riescono a parlare con un operatore, e 5 persone del gruppo riescono a farsi riproteggere su un volo previsto per oggi 16 marzo. Ma anche qui sorgono problemi: i 5 fortunati si accorgono che le coincidenze dei voli che li avrebbero dovuti riportare in Italia sono sbagliate, e devono ricominciare la trafila, perdendo una intera giornata al telefono.
    Alla fine 5 viaggiatori del gruppo sono stati, a fatica, riprotetti sul volo Malè-Abu Dhabi-Parigi-Roma Fiumicino di oggi, 16 marzo, mentre gli altri 10 hanno dovuto acquistare a proprie spese un volo di rientro, non riuscendo in alcun modo a comunicare con Alitalia, né con la Farnesina, l’ambasciata o il consolato italiano.
    Al danno si unisce anche la beffa: Alitalia solo ieri mattina ha mandato alle 10 persone del gruppo ancora non riprotette una comunicazione con i biglietti per un volo diretto che parte oggi alle 15 da Malè per Roma Fiumicino…peccato che costoro avessero già acquistato a proprie spese biglietti per rientrare in Italia!!
    Ora Alitalia, considerata la pessima gestione dell’emergenza, dovrà risarcire i viaggiatori coinvolti di tutte le spese sostenute a causa della mancata assistenza fornita, che ha di fatto vanificato del tutto la loro vacanza all’estero, pena una azione risarcitoria da parte del Codacons – conclude l’associazione.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox