27 Marzo 2020

Coronavirus, morto un agente di polizia penitenziaria: il Codacons chiede più tutela

 

Dalla cronaca Lombardia e Nazionale emerge – spiega il Codacons in una nota stampa – che è morto un agente di polizia penitenziaria in servizio presso il carcere di Opera, aveva 52 anni ed aveva contratto il Coronavirus da alcuni giorni. I sindacati hanno denunciato l’ assenza di dati, che non sarebbero ancora stati forniti circa il numero di soggetti positivi al Covid-19 tra il personale penitenziario e la distribuzione geografica degli stessi. Il Codacons chiede maggiore tutela: ” Tutelare i le categorie più a rischio deve essere una priorità dello Stato. Chiederemo al Ministero della Giustizia ed ala Dipartimento dell’ Amministrazione Penitenziaria di fornire i dati circa il numero di soggetti positivi al Coronavirus tra il personale penitenziario. – afferma il Presidente del Codacons, Marco Donzelli – ma questo non basta. Chiediamo che tutte le categorie più a rischio, agenti di polizia penitenziaria compresi, vengano sottoposti a tamponi periodici al fine di valutarne la positività al virus per tutelare la loro salute e quella delle loro famiglie.” L’ unico modo per uscire dall’ emergenza sanitaria è farlo con metodo e con un’ organizzazione ben precisa. – conclude il Codacons -Presenteremo esposto alla Procura della Repubblica.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox