27 Aprile 2020

Coronavirus, la procura di Torino: un pool contro chi sfrutta l’emergenza

 

TORINO. Un pool di magistrati per indagare sulle violazioni legate all’emergenza coronavirus. «L’intento è di capire, non di punire» dice il procuratore aggiunto Enrica Gabetta, che coordina il gruppo di magistrati specializzati in reati contro la pubblica amministrazione. L’obiettivo: «Dobbiamo dare risposte, chiarezza ai cittadini. Tenendo conto che tutti hanno agito in una situazione di emergenza».
Nessuna caccia alle streghe, quindi. Il pool è formato da due magistrati del gruppo del procuratore aggiunto Gabetta e altrettanti del gruppo coordinato dal collega Vincenzo Pacileo, coordinatore del gruppo per la tutela degli ambienti di lavoro e della salute pubblica.
I quattro magistrati potranno avvalersi degli investigatori del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza e dei carabinieri del Nas, ciascuno per le proprie competenze. Al momento, la procura ha già ricevuto una quarantina di esposti, compresi quelli del Codacons e di svariate persone che denunciavano carenze nelle Rsa torinesi. I controlli della procura riguarderanno tutti gli aspetti, compresi quelli amministrativi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox