21 Aprile 2020

Coronavirus, inchiesta della procura di Genova sui rincari sulla spesa

 

La procura di Genova ha aperto un’inchiesta per indagare sui presunti rincari applicati sui generi alimentari di prima necessità durante l’emergenza Coronavirus.

L’ipotesi di reato su cui i magistrati stanno lavorando è quella di manovre speculative sulle merci, la stessa ipotizzata per i casi confermati di eccessivo aumento dei prezzi di mascherine e gel disinfettanti su cui sta già indagando la Guardia di Finanza di Genova. Proprio il Nucleo di polizia economico-finanziaria, coordinato dal colonnello Maurizio Cintura riceverà a breve l’incarico di approfondire ulteriormente le indagini allargando il raggio anche al “carrello della spesa”.

L’inchiesta è partita da alcuni esposti presentati in procura, tra cui quello del Codacons. L’associazione aveva evidenziato forti variazioni al rialzo dei listini dei prezzi: «Si va dai cavolfiori, alle carote, passando per arance, zucchine e broccoli, con rincari anche del 233 per cento», aveva sottolineato il Codacons, puntando il dito anche su farina, carne e prodotti per l’igiene.

Nei giorni scorsi la Finanza aveva concentrato gli sforzi su prodotti a oggi diventati di fatto di prima necessità come mascherine e gel igienizzante. In alcuni casi i militari avevano riscontrato rincari sino all’800%, procedendo anche con sequestri di materiale, individuando però anche farmacie che si limitavano ad applicare il minimo rincaro o addirittura vendevano a prezzo di costo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox