24 Febbraio 2020

Coronavirus, finti tecnici per fare tamponi a domicilio: prime truffe agli anziani in Lombardia

MILANO. In tempo di coronavirus anche sciacalli e truffatori si sono già attrezzati. E nelle regioni interessate dall’ emergenza da Covid-19 sono comparsi i primi finti addetti dell’ Ats. Truffatori con tanto di tesserino di riconoscimento dell’ Azienda territoriale sanitaria che fingono di essere stati mandati per prestare assistenza sanitaria a domicilio e per effettuare il tampone necessario per scoprire l’ eventuale contagio. Anche i tamponi, come i tesserini sono fasulli: uno strumento per entrare in casa di cittadini spaventati e rubare contanti, gioielli e oggetti di valore. Sono i carabinieri a darne notizia, e in diversi paesi l’ amministrazione comunale si è attrezzata per mettere in guardia i cittadini. A Solaro, nel nord della provincia milanese, al confine con Varese, il comune ha avvisato: «Abbiamo segnalazioni di sedicenti funzionari Ats o di Croce Rossa che si propongono in autonomia di effettuare visite domiciliari con tamponi per coronavirus. Smentiamo categoricamente questa procedura: si tratta di probabili truffe». Per questo l’ amministrazione invita i cittadini «in caso di contatti a segnalare subito alle forze dell’ ordine». A Zibido San Giacomo, nell’ hinterland sud della città «truffatori si fingono paramedici che effettuano gratuitamente un test per il coronavirus, con l’ obiettivo accedere alle abitazioni private e derubare le persone». Anche qui la raccomandazione è quella «di non far entrare in casa sconosciuti e di avvisare tempestivamente le forze dell’ ordine». Nel frattempo sono state prese di mira pure le associazioni di volontari, come la Croce Rssa, che nei suoi vari distretti avverte che «non è stata emanata alcuna attività di porta a porta per effettuare il tampone orale», visto che i ladri si presentano talvolta come volontari della Cri. A segnalarlo sulle pagine social, sono i comitati delle Alte Groane e di Nova Milanese. Telefonate di sedicenti medici e infermieri che millantano la necessità di eseguire a domicilio il tampone sono state segnalate a Piacenza dove la polizia locale invita i cittadini «a respingere qualsiasi approccio e non lasciar accedere, alla propria abitazione, chiunque si presenti con tale motivazione’. Ma anche a Lecco e a Romano Canavese, nel torinese, dove finti volontari della Cri hanno telefonato a casa di anziani per invitarli a effettuare il controllo. Intanto i prezzi di igienizzanti e mascherine volano, con i primi che online raggiungono rincari fino al 650% e le seconde, prima “vendute a meno di 10 centesimi», che oggi «arrivano a costare su internet 1,8 euro, con un incremento di prezzo del +1700%». Il Codacons presenterà una denuncia in Procura e alla Gdf contro le speculazioni, al limite della “truffa” di queste ore. Dito puntato anche contro «le mascherine speciali con valvole indicate su Amazon come ‘ideali contro il Coronavirus’»: 5 vendute a 189 euro.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox