25 Febbraio 2020

Coronavirus, Conte: “L’ impatto economico diretto sarà elevato”

 

“Siamo consapevoli che l’ impatto economico diretto del coronavirus sarà maggiore , richiede delle misure molto più incisive. Abbiamo stanziato a caldo delle prime somme, 20 milioni, ma sicuramente ritorneremo con altri stanziamenti”. Lo annuncia il premier Giuseppe Conte durante la conferenza stampa nella sede della Protezione Civile. E intanto c’ è chi specula sull’ emergenza. Scattano i controlli di magistratura e Guardia di Finanza sui prezzi di mascherine e gel igienizzanti , dopo i rincari delle ultime ore in scia alla psicosi da coronavirus. A far partire i controlli è l’ esposto presentato ieri dal Codacons a 104 procure, Fiamme Gialle e Antitrust, che denuncia rincari anche del 1.700% sui prodotti igienico-sanitari. La viceministra dell’ Economia e delle Finanze Laura Castelli apre a norme di contenimento dei prezzi. Immediata la replica del Codacons: “Esiste già una legge” nel settore agroalimentare che portebbe essere estesa ” a tutti i prodotti ” e applicata “anche al web per stroncare sul nascere ignobili speculazioni sui listini” . I timori legati al Covid-19, che hanno spinto molti italiani ad acquistare prodotti igienico-sanitari nel tentativo di difendersi dal contagio, fanno schizzare alle stelle i prezzi di mascherine e gel igienizzanti. Nel suo esposto alla magistratura il Codacons ricorda che, ad esempio, il gel igienizzate dell’ Amuchina da 80 ml – normalmente in commercio a circa 3 euro – viene venduto sul web a 22,5 euro la confezione, con un ricarico sul prezzo al pubblico del +650%. Non va meglio per le mascherine protettive del viso, che prima del coronavirus erano vendute a meno di 10 centesimi di euro l’ una e oggi arrivano a costare su internet 1,8 euro: un incremento, segnala il Codacons, del 1.700%. Un’ “inaccettabile speculazione sulle paure degli italiani”, commenta il presidente dell’ associazione Carlo Rienzi.L’ indagine avviata per prima dalla Procura di Milano ipotizza ” manovre speculative su generi di prima necessità” e “frode in commercio” ai sensi degli art. 501 bis e 515 del codice penale ed è condotta dai pm Tiziana Siciliano ed Eugenio Fusco. Alla magistratura milanese, secondo il Codacons, si aggiungeranno altre procure nelle prossime ore. I controlli sono confermati dal Governo, che avvia un dialogo per “adottare norme” che “dicano che non si possano aumentare oltremodo ” i prezzi di mascherine e igienizzanti. ” Ne stiamo parlando con il ministro Patuanelli e la Guardia di Finanza ha iniziato a fare una serie di controlli e ispezioni” , spiega la viceministra Castelli ai microfoni di Rai Radio 1. Il Codacons ricorda che in Italia ” esiste già una legge” che “combatte i prezzi ‘anomali’ nel settore agroalimentare”

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox