10 Marzo 2020

Coronavirus, Codacons ai sindaci: “Sospendere cartelle esattoriali fino a settembre”

 

L’ Associazione reclama la sospensione dell’ attività di riscossione fino al termine dell’ emergenza. Il Codacons chiede che i sindaci calabresi impongano agli Uffici comunali ed alle Agenzie di Riscossione uno stop generalizzato a tutte le procedure per la notifica e la riscossione dei tributi locali. «Chiediamo di sospendere – afferma il vicepresidente nazionale del Codacons, Francesco Di Lieto – l’ invio degli atti destinati a migliaia di famiglie nonché tutte le procedure esecutive, anche quelle in corso, dai pignoramenti ai fermi amministrativi, fino alle iscrizioni ipotecarie». Lo scopo è quello di ridurre i disagi e le incombenze per i cittadini durante questo periodo d’ emergenza. Oggi sarebbe da “sciacalli” creare ulteriori ansie ai Cittadini che vedono recapitarsi ingiunzioni e cartelle da pagare. Non c’ è bisogno di spiegare come la situazione sia difficile e come ricevere richieste di pagamento, quando l’ economia è in ginocchio, potrebbe creare situazioni esplosive. «Invochiamo un importante gesto di distensione – prosegue Di Lieto – che consentirebbe di poter restare in casa in attesa che passi questo brutto momento. È impensabile assistere a fermi o pignoramenti dei conti correnti mentre si chiede alla popolazione di rimanere in casa». «I cittadini non devono percepire i comuni come dei nemici da cui difendersi – conclude la nota del Codacons – per questo motivo confidiamo nella sensibilità degli amministratori calabresi». Il tutto in attesa che il Governo provveda a sospendere tutti i finanziamenti e le scadenze fiscali.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox