8 Dicembre 2018

Corinaldo, discoteca sotto sequestro. Si indaga per omicidio colposo

 

strage discoteca corinaldo (ancona) 6 morti-120 feriti: testimone, durante rissa ragazzo ha usato spray. conte va a corinaldo, pretendiamo risposte chiare
Corinaldo, discoteca sotto sequestro. Si indaga per omicidio colposo E’ stato aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo plurimo sulla tragedia di Corinaldo, nell’ anconetano, dove tre ragazze e due ragazzi, tutti minorenni, e una mamma di 39 anni che aveva accompagnato la figlia al concerto del trapper Sfera Ebbasta sono morte quando si è scatenato il panico nella discoteca. Intanto il locale è stato messo sotto sequestro. DISCOTECA CORINALDO: CODACONS, SE BIGLIETTI OLTRE CAPIENZA LOCALE GESTORI VANNO ARRESTATI “Se confermato quanto emerso dagli accertamenti dei Carabinieri circa la vendita di un numero di biglietti superiore alla capienza massima del locale, i gestori della discoteca di Corinaldo teatro della tragedia vanno immediatamente arrestati e indagati per il reato di strage”. Lo afferma il Codacons, che chiama in causa anche le responsabilità degli enti locali e delle autorità competenti. ”Chiediamo alla Procura di accertare anche l’ attività svolta dall’ amministrazione comunale, dalla Asl e dalla Questura in merito alle autorizzazioni concesse al locale e ai controlli eseguiti sulla discoteca – spiega il presidente Carlo Rienzi – Vogliamo sapere se l’ esercizio sia stato sottoposto alle regolari verifiche relative alla sicurezza e quale attività sia stata svolta dai soggetti pubblici competenti per garantire il rispetto delle norme di settore”. ”Il Governo deve inserire nella manovra una norma che obblighi i locali pubblici a non superare l’ 80% della capienza massima autorizzata dalle asl quando si organizzano eventi dedicati ad un pubblico di minorenni, per evitare incidenti e tragedie analoghe a quella di Corinaldo – prosegue Rienzi – e sottoporre spray urticanti e altri prodotti analoghi pericolosi per la sicurezza pubblica allo stesso regime riservato alle armi”. STRAGE DISCOTECA, VENDUTI 1.400 BIGLIETTI, CAPIENZA DISCOTECA 800 POSTI Avevano venduto 1.400 biglietti, presumibilmente tutti numerati, ma la capienza della discoteca era solo di 800 posti. E’ quanto emerge dai primi accertamenti in corso da parte della procura di Ancona sulla tragedia che si è verificata nella notte a Corinaldo, nell’ anconetano. Strage discoteca: questore, cuore spezzato per quanto ho visto “Da questa mattina ho il cuore spezzato per quello che ho visto e in questo momento qualsiasi aggettivo e’ superfluo: sei giovani vite perse e sette persone ricoverate in codice rosso dicono tutto di questa tragedia immane”. Cosi’ il questore di Ancona, Oreste Capocasa, tra i primi a raggiungere il ‘Lanterna Azzurra Clubbing’, dove all’ 1 della scorsa notte hanno perso la vita sei persone, soffocate nella calca che si e’ creata all’ uscita di una delle porte di sicurezza del locale e dal cedimento della balaustre del passaggio che consentiva la via di fuga. “Si stanno facendo gli accertamenti e, di conseguenza, si vedra’ poi cosa sia successo veramente sia dentro che fuori”, ha aggiunto il questore. Capocasa si e’ poi spostato all’ ospedale regionale di Torrette di Ancona, dove sono ricoverati i 7 feriti piu’ gravi e che ospita le salme delle vittime. “Quello che ho visto e’ stata la peggior scena che possa vedere un funzionario di polizia e un papa’: sei lenzuola che coprono giovani vite e le scene strazianti dei genitori che facevano riconoscimento dei propri figli”, ha aggiunto il questore di Ancona. “Nella mia professione ho visto e assistito a tanti eventi – ha aggiunto -, ma vedere tante giovani vite spezzate fuori da una struttura per divertirsi non mi era mai capitato”. Quanto alle cause che hanno scatenato l’ incidente, Capocasa ha confermato che “si stanno facendo accertamenti sulle presenze” all’ interno del club e che “sono stati posti sotto sequestro le matrici dei biglietti staccati”. “Il lavoro va avanti con molta attenzione”, ha aggiunto, riferendosi anche al fatto che il caos all’ interno del locale possa essere stato causato da uno spray urticante: “Era voce comune – ha spiegato il questore di Ancona -, ma l’ emozione e lo choc del momento meritano un momento di ulteriore verifica”. “Le cause vanno chiarite con i ragazzi presenti”, ha concluso Capocasa Strage Discoteca: Conte va a Corinaldo, pretendiamo risposte chiare Il presidente del Consiglio segue da vicino la tragedia di Corinaldo, pretende risposte chiare e celeri sulle cause e sta per andare nelle Marche. “Quello che doveva essere un incontro gioioso, un concerto, si e’ trasformato in tragedia, una tragedia inaccettabile”, scrive Giuseppe Conte a proposito della strage di Corinaldo, dove hanno perso la vita sei persone. “Quanto accaduto nella discoteca di Corinaldo, nelle Marche, sta suscitando un grande dolore in tutta la comunita’. Sono sei le vittime gia’ accertate, di cui cinque giovanissime. Il mio pensiero commosso non puo’ che andare a queste vite spezzate e ai loro familiari”, sottolinea. “Seguo con grande apprensione anche l’ evoluzione delle condizioni di salute, alcune molto critiche, delle tante persone ricoverate nelle strutture sanitarie e sto per recarmi sul posto, per verificare di persona quello che e’ accaduto. Ora e’ il momento dei soccorsi e del cordoglio, ma e’ chiaro che sono numerose le domande in ordine alla responsabilita’ di questa tragedia, al rispetto delle norme di sicurezza, che dovranno trovare una risposta chiara, celere e univoca. Lo pretendiamo” Strage discoteca: testimone, durante rissa ragazzo ha usato spray “Un ragazzo nel corso di un principio di rissa ha spruzzato uno spray urticante e, mi dicono i ragazzi che ho riportato a casa, e’ stato gia’ individuato. Mio figlio e’ sotto choc, vedeva gente uscire con le gambe rotte, attorno al locale, che e’ in campagna, e’ tutto completamente buio”. Questa la testimonianza rilasciata stanotte a caldo dal padre di uno dei giovani presenti nella discoteca ‘Lanterna Azzurro Clubbing’ di Corinaldo nell’ Anconetano dove era in programma il concerto di Sfera Ebbasta a Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, conduttore dei ‘Lunatici’. “Dice mio figlio che nel locale c’ erano migliaia di persone – ha detto l’ uomo – quando sono arrivato a prendere mio figlio e i suoi amici c’ erano ancora dei ragazzi in giro per i campi che circondano la discoteca, spaventati e spauriti. C’ era una mamma che cercava la figlia, perche’ c’ erano anche ragazzine di dodici, tredici anni, accompagnate dai genitori”. “Mio figlio e i suoi amici sono stati fortunati – ha detto ancora – perche’ la corriera che avevano preso per andare al concerto ha fatto tardi ed e’ arrivata poco prima che il fatto succedesse e quindi non hanno fatto neanche in tempo ad entrare. Un ragazzo, che a suo dire sarebbe stato gia’ individuato, nel corso di un principio di rissa ha spruzzato uno spray urticante”. Strage discoteca: a Corinaldo sindaco proclama lutto cittadino A Corinaldo, cittadina marchigiana in provincia di Ancona dove e’ avvenuta la tragedia nella discoteca ‘Lanterna azzurra’, mentre era in corso il concerto del rapper Sfera Ebbasta il sindaco proclama il lutto cittadino. “In questo momento di grande tragedia che unisce nel dolore tutte le comunita’ del territorio, il Comune di Corinaldo, con ordinanza del sindaco, proclama per oggi e per domani il lutto cittadino in tutto il territorio comunale e la sospensione di tutte le attivita’ previste per l’ inizio delle festivita’ natalizie”. E’ quanto si legge in una nota del Comune nella quale il primo cittadino, Matteo Principi, aggiunge: “Non ci sono parole per descrivere una tragedia cosi’ grande. Tutta la comunita’ di Corinaldo si stringe al dolore delle famiglie che questa notte hanno perso un proprio caro. Stiamo seguendo con apprensione gli sviluppi medici dei tanti giovani rimasti feriti e siamo costantemente in contatto con le forze dell’ ordine per tutti gli aggiornamenti sulle indagini in corso”. Tragedia al concerto di Sfera Ebbasta, le immagini dalla discoteca prima del crollo. VIDEO Diverse storie Instagram girate dai ragazzi all’ interno della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, mostrano il locale prima dell’ inizio del concerto di Sfera Ebbasta Strage discoteca: Di Maio, assurdo morire cosi’, faremo chiarezza Una morte assurda: cosi’ il vicepremier, Luigi Di Maio, commenta sul suo profilo Facebook la tragedia in discoteca a Corinaldo. “E’ assurdo morire cosi’ – scrive Di Maio – come governo faremo massima chiarezza sulla dinamica della vicenda (se sono state rispettate tutte le norme di sicurezza) e individueremo i responsabili. Un abbraccio e un pensiero alle famiglie delle vittime e a tutti i feriti”. Nel post il vicepremier elenca i nomi e l’ eta’ delle sei vittime della tragedia: fra questi cinque minorenni e una mamma. Tragedia al concerto di Sfera Ebbasta, i ragazzi fuggono dalla discoteca. VIDEO Tragedia ad Ancona durante il concerto di Sfera Ebbasta, una balaustra sarebbe crollata nel corso della serata. Chi è rimasto all’ interno del locale, non ha subito danni gravi, come confermano i vigili del fuoco, che sono intervenuti per i primi soccorsi e per mettere in sicurezza l’ area. Gli investigatori stanno lavorando per accertare quanto persone erano nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo durante il concerto di Sfera Ebbasta: l’ ipotesi investigativa è che il numero dei presenti fosse superiore a quello consentito. I titolari della discoteca sono stati già sentiti Strage discoteca: video su ‘cronache Ancona’ riprende crollo ringhiera In un video, pubblicato dal quotidiano online ‘Cronache Ancona’, e’ ripreso il crollo della balaustra all’ esterno del ‘Laterna Azzurra Clubbing’, dove questa notte sono morte 6 persone e almeno 7 versano in condizioni gravissime, ricoverate all’ ospedale regionale di Torrette di Ancona. Le immagini riprendono una porta di sicurezza aperta, attraverso la quale spingono verso l’ esterno decine di persone, mentre diverse altre sembrano quasi a fare da tappo, quasi non si rendessero conto di quanto stava accadendo. All’ improvviso il crollo di una ringhiera di ferro, quella di sinistra uscendo dal locale, con decine di persone che sono finite una sopra all’ altro in un fosso (“profondo circa un metro”, hanno riferito i carabinieri). E’ in quel punto, secondo quando appreso, che hanno perso la vita tutte e sei le vittime, anche perche’ il crollo della ringhiera ha creato panico ulteriore. Strage discoteca: Salvini, forse c’ erano piu’ persone del consentito “Sulle responsabilita’ ho sentito questore, ci sono inquirenti e ci sono ancora 13 feriti in gravi condizioni. Pare ci fosse piu’ gente del dovuto e del consentito. Erano probabilmente piu’ delle 871 consentite per legge. Non risulta ci fossero uscite sicurezza. Sappiamo che hanno ceduto due parapetti in corrispondenza di una uscita a causa della calca eccessiva. Si parla di spray, gas urticante, sostanze tossica”. Lo dice in diretta telefonica a SkyTg24 in ministro Matteo Salvini Panico in discoteca a Corinaldo per spray urticante: 6 morti nella calca Cinque minorenni e una mamma che accompagnava il figlio sono le vittime della strage avvenuta nella notte nella discoteca ‘Lanterna azzurra’ di Corinaldo, in provincia di Ancona. Oltre un centinaio i feriti, di cui una decina in gravi condizioni. Sulla tragedia stanno indagando i carabinieri. Secondo quanto si e’ appreso, qualcuno avrebbe usato un gas urticante provocando il panico fra i ragazzi che si erano recati nella discoteca per assistere al concerto di Sfera Abbasta, popolare rapper della Trap music. Nella calca che ne e’ seguita, molti ragazzi sono rimasti travolti. Secondo un bilancio ancora provvisorio, i feriti sono un centinaio, di cui 35 ricoverati negli ospedali di Senigallia e Torrette di Ancona. Dieci di questi versano in gravi condizioni. Secondo una prima ricostruzione delle forze dell’ ordine, il panico e’ scoppiato intorno all’ 1 di notte, quando il pubblico, un migliaio di persone, era in attesa dell’ inizio del concerto. Secondo alcune testimonianze, all’ interno del locale sarebbe stato spruzzato dello spray urticante: “Abbiamo sentito un odore acre e siamo scappati”, hanno riferito alcuni testimoni, mentre chi e’ arrivato piu’ tardi al concerto ed era in attesa di entrare ha riferito di aver visto “ragazzi che tossivano e avevano problemi respiratori”. Nel panico e nel fuggi fuggi generale scatenatisi per uscire velocemente dal locale, decine di spettatori sono caduti e rimasti schiacciati dalla calca. Sul posto sono ancora in corso le operazioni di soccorso, concentrate – secondo quanto si apprende – intorno a una delle uscite di sicurezza, verso la quale si sono diretti decine di spettatori. I soccorsi sono stati immediati: sul posto sono intervenuti le squadre dei vigili del fuoco di Senigallia, Ancona, Jesi e Arcevia, tutte le ambulanze disponibili e le forze dell’ ordine Commenti Ci sono altri 0 commenti. Clicca per leggerli.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this