fbpx
8 Maggio 2010

Contrordine di Moody’s: l’Italia va bene, è vaccinata

Contrordine. L’Italia non va a picco. E non sarà trascinata giù per terra dalla crisi greca. Moody’s dice anzi che abbiamo «Buona credibilità sui mercati». Intanto le speculazioni ci sono state, e miliardi sono bruciati nelle Borse.  Il passo indietro dell’agenzia getta un’ulteriore ombra sull’utilità -quantomeno- di questi report.  Oggi infatti Moody’s dice che "L’Italia è vaccinata in questa situazione" di bassa crescita e alto debito pubblico che caratterizza tutti i Paesi dell’area euro per effetto della crisi economica globale.  "In questa situazione è bene essere bilanciati, anche se questo equilibrio è un po’ fragile".  In questo momento l’Europa sta conoscendo un "fenomeno che in Italia siamo stati abituati a vedere" e che il nostro Paese è stato abituato a gestire nel passato. "Mai – ha osservato  l’analista del debito sovrano italiano dell’agenzia di rating Moody’s, Alexander Kockerbeck – era stato così importante il controllo del debito pubblico in Europa". "L’Italia sembra essere  ben posizionata nel gestire questa situazione".
Libero-news.itLibero-news.it

"Le agenzie di rating arrivano sempre dopo, come per i mutui subprime", ha detto Giuseppe Mussari, presidente di Mps.

Ma il danno ormai è stato fatto. Imbufalite le banche. "Le agenzie di rating arrivano sempre dopo, come per i mutui subprime", ha detto Giuseppe Mussari, presidente di Mps. "Ora se la stanno prendendo con i Paesi, e questo non è giusto".

Intanto, come già anticipato in mattinata, le associazione dei consumatori Adusbef-Federconsumatori annunciano una "class action" contro agenzia Moody’s per i danni inferti agli investitori.
"L’ultimo report di Moody’s sull’Italia, diffuso sembra ad orologeria, ha provocato – si legge in una nota – un vero e proprio terremoto in borsa causando una caduta verticale dei titoli azionari e dei titoli di stato a media e lunga scadenza (btp), determinando oscillazioni e movimenti ribassisti anche di natura speculativa. Adusbef e Federconsumatori, che annunciano la presentazione di esposti penali alla magistratura, assieme al quotidiano finanziario Mf, raccoglieranno le deleghe per una class action contro l`agenzia di rating, per chiedere il risarcimento dei danni subiti".

Si vedrà se il Codacons e l’Associazione Tutela Utenti Servizi Finanziari, Bancari e Assicurativi, che oggi hanno  inviato un esposto alla Consob, al ministero dello Sviluppo Economico e alle Procure della Repubblica di Roma e Milano chiedendo di indagare sull’operato di Moody’s e delle altre agenzie di rating, segueranno le orme tracciate da Adusbef e Federconsumatori.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox