26 Agosto 2002

Controesodo tra lunghe code e incidenti mortali

Tragico il bilancio delle prime due giornate del rientro dalle ferie di agosto: sarebbero almeno trenta le vittime, tra le quali alcuni bambini

Controesodo tra lunghe code e incidenti mortali

La Protezione civile lancia l?allerta: attesi per oggi temporali e forti raffiche di vento su Lombardia e Toscana

Sono stati davvero tanti gli italiani in viaggio in questo fine settimana sotto un tempo incerto per far ritorno nelle città dopo le ferie: il traffico è stato intenso ieri su tutta la rete, ma non sono state segnalate situazioni particolarmente critiche anche se ieri era una delle giornate indicate con il «bollino rosso» dalla Società Autostrade. Il traffico automobilistico ha avuto prevalentemente direzione sud-nord e code e rallentamenti sono stati registrati intorno alle grandi città. In particolare nella mattinata di ieri, sulla A14, il traffico è stato quasi paralizzato per un tamponamento a catena nel tratto tra Ancona e Senigallia. Sulla A1 il traffico è stato intenso, tra Parma e Reggio Emilia, per l?effetto di un forte temporale. Rallentamenti ci sono stati anche sull?A3 Salerno-Reggio Calabria: su quest?ultima, dove si trovano vari restringimenti di carreggiata a causa di lavori in corso, ha «vigilato» di persona, per incarico del ministro Lunardi, il capo del dipartimento della protezione civile Guido Bertolaso. Intanto c irca 100 mila persone al giorno sono state registrate in movimento, in questo fine settimana, negli scali marittimi e aeroportuali della Sardegna. Nel frattempo, ieri, il Dipartimento della protezione civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse per la giornata di oggi che interesserà diverse regioni del Nord Italia, Lombardia compresa, Toscana e Lazio. Precipitazioni anche di forte intensità sono previste per le successive 24-30 ore in Lombardia, Valle d?Aosta, Piemonte, Emilia Romagna, Liguria, Toscana e Alto Lazio. Le precipitazioni saranno accompagnate anche da forti raffiche di vento. A margine del controesodo, viste le lunghe code ai caselli autostradali, il Codacons ha chiesto ai prefetti di consentire nei momenti di maggiore traffico il passaggio senza pagare il pedaggio. Per il futuro il Codacons ha annunciato l?intenzione di farsi promotore di iniziative affinchè venga resa obbligatoria per tutte le auto la dotazione del Telepass senza che vi sia la necessità del conto corrente bancario dove addebitare il pedaggio e le relative commissioni. Ora si tirano i primi bilanci degli incidenti stradali: sono circa trenta i morti secondo un primo, provvisorio, bilancio. Ventisei persone sono decedute tra venerdì e sabato ed un altro grave incidente stradale è avvenuto alle 6 di ieri a San Vitale, nel B olognese. In quest?ultimo incidente un uomo è morto e tre giovani sono rimasti gravemente feriti. Altri due gravi incidenti sono avvenuti a Catania: a poche centinaia di metri di distanza, un ragazzino di 10 anni e un diciassettenne sono stati investiti da motociclisti. Entrambi sono ricoverati con la prognosi riservata. Un altro giovane è morto sulla vecchia Aurelia, a Livorno. Tra i morti del fine settimana, c?è anche un bimba di soli tre anni sulla variante Aurelia, nei pressi di Grosseto. Venerdì sera invece, sulla statale 16, nei pressi di Foggia, un autotrasportatore ubriaco si è scontrato con un altro camion provocando la morte del conducente e del figlio di 8 anni.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox