28 Luglio 2011

“Contratti privati esenti da obblighi”

«Contratti privati esenti da obblighi»
  MAURO ANTONELLI responsabile provinciale Codacons
 

MARIANO (r. bus.) Può una compagnia
assicuratrice rifiutarsi di stipulare
una polizza? L’abbiamo chiesto
a Mauro Antonelli, responsabile
Codacons, l’associazione dei consumatori,
per la provincia di Como.
Una compagnia che si rifiuta di stipulare
un’assicurazione non commette
alcun abuso dal punto di vista giuridico,
civilistico o penale: essendo un contratto
privato che si stipula tra le parti,
non c’è un obbligo in questi termini,
mentre diverso è il discorso etico.
Ovvero?
Il loro mestiere è proprio quello di stipulare
delle polizze, per cui rifiutarsi
significa venire meno ai propri scopi
professionali. Piuttosto suggerirei di rivedere
le condizioni del contratto, al
limite la compagnia potrebbe richiedere
un premio più alto commisurato alla
potenzialità del rischio, però sembra
davvero singolare il fatto di rifiutare
in toto la copertura.
E il commerciante cosa può fare?
Due cose: migliorare la sicurezza locale
installando una telecamera in più,
piuttosto che vetrate antisfondamento
o serrande resistenti in modo da convincere
la compagnia che si sono modificate
le criticità legate al rischio furti,
oppure scrivere alla sede locale della
compagnia che si rifiuta di stipulare
la polizza di rivedere il contratto riservandosi,
in caso negativo, di inoltrare
copia della missiva alla sede nazionale
della compagnia, Ufficio reclami,
e congiuntamente anche all’Isvap,
l’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni
private e di interesse collettivo.

 
 
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox