14 Febbraio 2002

Contrari Codacons e Adusbef, proposto lo sciopero della carne

Presentato da Alemanno un piano per uscire dall?emergenza Bse


Mucca pazza, il ministro batte cassa



Contrari Codacons e Adusbef, proposto lo sciopero della carne



SARA? un prelievo di natura prefiscale e non un ticket sulla carne quello che potrebbe partire dal 2003. Lo ha detto ieri a Roma il ministro delle Politiche agricole, Gianni Alemanno. Ieri è dunque stata ancora una giornata all`insegna dell`emergenza Bse, sulla quale finalmente si stanno intravedendo proposte concrete per uscirne al più presto. «Dobbiamo aumentare gli stanziamenti dello Stato per garantire lo smaltimento del materiale a rischio per tutto il 2002», ha detto Alemanno, dopo aver incontrato il comitato della filiera, che si è impegnato affinchè questi costi rimangano interni alla filiera stessa. Oltre ai finanziamenti statali, destinati allo smaltimento di materiale a rischio per tutto il 2002, i cinque punti del piano previsto da Alemanno prevedono interventi strutturali per la raccolta dei materiali a rischio, consolidamento dei controlli, entrata a regime entro giugno dell`anagrafe bovina e passaggio ai privati dei costi di raccolta, deposito e smaltimento. Il ministro ha aggiunto che «oggi la carne è sicura e che i soldi che noi richiediamo non è per garantire più o meno la sicurezza, ma per mantenere nel tempo la carne più sicura». Per proseguire a risanare il mercato e uscire dall?emergenza della Bse «occorrono 300 miliardi di lire – ha detto il ministro – Tirando due conti e considerando che lo scorso anno sono stati necessari 300 miliardi di lire credo che anche quest?anno, dal momento che fino adesso sono stati racimolati 100 miliardi di lire, servano altri circa 200 miliardi di lire».
Sul tema della garanzia della carne ieri è intervenuto anche il presidente di Confagricoltura, Augusto Bocchini. A suo avviso, nonostante esistano ben 26 disciplinari regionali, dovrebbe essere estrapolato un testo unico a livello nazionale emanato dal ministero delle Politiche agricole. Nell settore bovino l`idea di Confagricoltura è quella di prevedere un`armonizzazione concordata dei diversi disciplinari che stabiliscono modalità di allevamento o la tipologia dei mangini utilizzati.
Ma le proposte di Alemanno non sono piaciute a Codacons e Adusbef, che hanno proposto uno sciopero della carne come forma di protesta. Le associazioni di consumatori hanno invitato i cittadini ad astenersi dal consumare carne per tre giorni. Immediata la repica di Alemanno: «Lo sciopero della carne indetto da Codacons e Adusbef è un modo di sabotare il dialogo da noi aperto con il Consiglio dei consumatori e con il tavolo della filiera».
Intanto, sarebbero più di 400 i casi di mangime per bovini contenenti farine animali in tutta Italia ritenuti pericolosi per la trasmissione della Bse. L`ufficio repressione frodi del ministero dell`Agricoltura avrebbe, infatti, scoperto 58 campioni contaminati fra quelli analizzati nei primi sei mesi del 2001. I dati sono stati acquisiti dal procuratore aggiunto di Torino, Raffaele Guariniello, e si aggiungono ai 346 campioni, su un totale di circa 8.500, già segnalati dai Nas e dalle Asl.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox