31 Dicembre 2013

«Conte senza conflitto d’ interessi»

«Conte senza conflitto d’ interessi»

QUARTO D’ ALTINO Conflitti d’ interessi? «Forse sfugge che la consulenza del Codacons è gratuita, ma può essere che l’ attenzione disinteressata ai diritti dei cittadini, utenti o consumatori, non sia familiare a certi mondi della politica». A rispondere al responsabile della Lega Nord, Lewis Trevisan e al consigliere provinciale Roberto Dal Cin, è Antonio Cagnin, responsabile del Codacons Veneto. Cagnin si schiera in difesa del sindaco, Silvia Conte, accusata dai leghisti, di essere ricorsa al Codacons perché suo padre, Franco Conte, ne fa parte. «È di tutta evidenza che le iniziative di tutela dei pendolari non sono mai monopolio di una associazione», scrive, «ma impegnano un ampio arco di protagonisti: dai comitati ai sindaci, a numerose associazioni dei consumatori. Ora anche l’ Asl 12 ha sollecitato gli interventi di rettifica degli orari. A conferma di un agire coerente con la propria missione va segnalato che il Codacons è presente a Quarto dal 1998, molti anni prima che fosse eletta l’ attuale sindaca. Sin dall’ inizio il rappresentante del Codacons locale è Luciano Ferro che è stato candidato per le comunali in una lista avversaria. Siamo certi che dopo queste precisazioni l’ esposto alla Procura non verrà inoltrato. Perseverare è diabolico». Cagnin ribatte anche al leghista Dal Cin: «Il consigliere provinciale pare ignorare l’ oggettiva gravità della situazione. Se anziché starsene comodi nelle poltrone della politica si vivesse il disagio della gente, certe affermazioni avrebbero potuto essere risparmiate evitando, nel tentativo di parlare male degli altri, di danneggiare anche la propria immagine». (m.a.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox