21 Maggio 2010

Consumi: Italiani Poveri Ma Belli, i Cosmetici Non Conoscono Crisi

”Malgrado la crisi, ho consumato forse anche piu’ prodotti cosmetici, perche’ bisogna sapersi tener su, specie nei momenti che sono o possono sembrare piu’ seri e con piu’ problemi”. Lo pensa un italiano su 3, come documenta il Rapporto sull’industria cosmetica elaborato da Ermeneia per Unipro, l’Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche, che fa parte di Federchimica – Confindustria. Lo studio, presentato oggi alla Camera dei Deputati, e’ stato condotto con interviste su un campione di imprese e di consumatori, disegnando un quadro articolato del settore industriale della cosmetica. Il 74,5% degli italiani non ha diminuito la spesa per la cosmetica nell’anno in corso e prevede di aumentarla nel prossimo anno: fiducia nella ripresa o irresistibile voglia di piacersi? Quel che e’ sicuro e’ che l’estetica e la cura della bellezza sono importantissimi per quasi sette italiani su dieci, che giudicano irrinunciabile la spesa per i prodotti di cura dei capelli, di cura e igiene del corpo, del trucco, di profumi e deodoranti. E il 62% dichiara che ”la crisi non ha cambiato sostanzialmente le mie abitudini di spesa per questo insieme di prodotti, perche’ alla propria cura, al proprio benessere e al proprio aspetto estetico non si puo’ e non si deve rinunciare”. E infatti nell’ambito di una congiuntura spesso drammatica per altri comparti, il settore ha tenuto: il mercato nel 2009 e’ cresciuto dello 0,3% e ha raggiunto un valore di 9,1 miliardi di euro. L’industria cosmetica occupa 35.000 addetti (che diventano oltre 200.000 considerando anche l’indotto) e da diversi anni non registra contrazioni sui livelli occupazionali. ”L’alleanza con il consumatore costituisce un elemento importante della forza e della stabilita’ del settore – ha detto Fabio Franchina, Presidente di Unipro – ecco perche’ la cosmetica tiene rispetto all’indebolimento generale, sia sul fronte delle aziende che sulla disponibilita’ di spesa dei consumatori; il settore ha reagito meglio alla crisi rispetto alla media dell’industria, ed e’ piu’ ‘pesante’ rispetto alla sua apparente ‘leggerezza”’. Alla presentazione del Rapporto sull’industria cosmetica hanno partecipato Francesca Martini, Sottosegretario Ministero della Salute; Bertil Heerink, Direttore COLIPA (European Association of Cosmetic Industry); Antonio Longo, Presidente Movimento Difesa del Cittadino; Antonio Paravia, Commissione Industria del Senato; Livia Turco, Commissione Affari Sociali della Camera; Santo Versace, Commissione Attivita’ Produttive della Camera. ”Dei cosmetici – ha detto il sottosegretario Martini – non possiamo fare a meno” e quindi ”se il settore viene portato avanti con etica dalle aziende italiane, ha un grande futuro davanti”. Le conclusioni sono state affidate ad Adolfo Urso, Vice Ministro Sviluppo Economico, che ha sottolineato come i dati siano positivi anche per quest’anno. ”A gennaio la crescita del settore e’ stata del 20%, maggiore di quella degli altri comparti”, ha spiegato Urso.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox