12 Dicembre 2017

Consulta, no a conflitti su Rosatellum

ROMA, 12 DIC – La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili i 4 conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato sollevati su Rosatellum e Italicum. Tre sono stati presentati da alcuni soggetti che si sono qualificati allo stesso tempo come elettori, soggetti politici, parlamentari e rappresentanti del gruppo parlamentare di M5S. Ma nessuno – spiega la Corte – individua in modo chiaro e univoco né la qualità in cui i ricorrenti si rivolgono alla Corte né le competenze eventualmente lese né l’ atto impugnato. Da qui, l’ inammissibilità. Il quarto ricorso è stato proposto congiuntamente dal Codacons, da un cittadino elettore e da un senatore contro il Governo, per aver posto la questione di fiducia, alla Camera, durante l’ iter di approvazione del Rosatellum. Anche tale conflitto è stato dichiarato inammissibile. La Corte specifica che un senatore non ha titolo per sollevare conflitto contro il Governo, e nessuno dei ricorrenti è, nel caso di specie, qualificabile quale potere dello Stato.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox