fbpx
26 Febbraio 2016

CONSORZI DI BONIFICA: LA “BUFALA” DEGLI AVVISI DI PAGAMENTO E IL MIGLIORAMENTO FONDIARIO

CODACONS
per la Regione Puglia

Il Codacons mette a disposizione di tutti i cittadini che hanno ricevuto un avviso di pagamento dalla società So.Ge.T. un modello di .contestazione

I FATTI

Recentemente, sono pervenute al Codacons numerose segnalazioni riguardanti la ricezione, da parte di residenti nella Provincia di Lecce, di “avvisi di pagamento notificati” spediti dalla società So.Ge.T. Diversamente da quanto potrebbe sembrare, però, non si tratta che di meri inviti al pagamento di obbligazioni tributarie. Questi inviti, quindi, non sono autonomamente impugnabili proprio perché non rappresentano alcun atto concretamente impositivo di un onere tributario da parte dei consorzi di bonifica.

Peraltro, a quanto si apprenderebbe dai molti cittadini che già si sono rivolti alle sedi Codacons, parrebbe che i vari consorzi non abbiano ad oggi effettuato alcun concreto lavoro di miglioramento fondiario della zona. Se ciò fosse vero, verrebbe meno la sussistenza giuridica del tributo con conseguente illegittimità della richiesta di pagamento avanzata dai consorzi di bonifica

L’INIZIATIVA CODACONS

Proprio per ovviare alla situazione di allarme che si è venuta a creare tra i residenti, il Codacons ha scelto di intervenire: i contribuenti che avessero ricevuto questi avvisi, possono, qualora ritengano di non aver avuto alcun beneficio diretto dall’attività svolta dai Consorzi di Bonifica (così come richiesto dalla Legge e più volte ribadito dalla giurisprudenza tributaria), porre in essere le necessarie azioni di autotutela, inviando al Consorzio una nota a/r di contestazione.

In questo senso, il Codacons mette a disposizione dei cittadini interessati un modello di contestazione, scaricabile gratuitamente cliccando qui.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox