23 Novembre 2018

CONGESTION CHARGE, CODACONS: SENZA INTERVENTI CONTRO PARCHEGGIO SELVAGGIO NON SERVIRA’ A NULLA

 

PRONTI A RICORRERE AL TAR. GIUNGLA URBANA PROSEGUIRA’ CON COSTI PIU’ ALTI PER CITTADINI ROMANI

Scettico il Codacons sulla “Congestion charge” la cui delibera è stata approvata ieri dall’assemblea capitolina.
“Non siamo contrari all’istituzione di un pedaggio per accedere in auto nelle zone centrali della città, ma riteniamo che questo provvedimento, se non accompagnato da altre misure specifiche, determinerà solo un aumento dei costi per i cittadini romani senza produrre reali benefici – spiega il presidente Carlo Rienzi – Il vero problema della città è rappresentato dalla giungla urbana quotidiana che caratterizza la viabilità, con mezzi pubblici inadeguati e auto parcheggiate in modo selvaggio ovunque, come testimoniato da numerose denunce presentate dal Codacons che ha monitorato la presenza di migliaia di auto in divieto di sosta su Viale delle Milizie e in tutto il quartiere Prati”.
“Se non si interverrà su tali aspetti, potenziando il trasporto pubblico e dichiarando guerra al divieto di sosta e alle doppie file, la Congestion charge si tradurrà unicamente in una punizione economica per gli automobilisti, che continueranno ad accedere in centro in auto e parcheggiare selvaggiamente, solo pagando di più rispetto a prima – prosegue Rienzi – Per tale motivo, in assenza di misure concrete per migliorare la viabilità romana, siamo pronti a ricorrere al Tar del Lazio per bloccare il pedaggio approvato dal Campidoglio”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox