22 Ottobre 2021

Con l’obbligo green pass, pioggia di certificati di malattia anche a Latina: l’esposto del Codacons

l Codacons, ovvero il coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, ha annunciato la propria volontà di di presentare una serie di esposti, alle procure di Roma, Latina, Frosinone, Viterbo e Rieti. Motivo di questa singolare iniziativa l’aumento, in maniera esponenziale, dei certificati per malattia nella regione Lazio.

Con l’introduzione dell’obbligo del Green pass per i lavoratori, nel Lazio si è registrato in pochi giorni un boom di certificati per malattia presentati dal 15 ottobre.

I certificati presentati lo scorso 15 ottobre, giorno di entrata in vigore delle nuove norme sul Green pass, sono stati infatti 9.787 contro i 7.742 del venerdì precedente, con un aumento dunque del 26,4%. Con l’avvio della prima settimana lavorativa, il numero è stato pari addirittura a 19.241, con un incremento dunque dell’11,4% rispetto al lunedì precedente. “Una crescita abnorme – spiega il Codacons – che fa sorgere il sospetto che nel Lazio molti lavoratori, non disponendo di Green pass e non volendo ricorrere al tampone, abbiano scelto di mettersi in malattia allo scopo di non recarsi al lavoro e non subire le sanzioni previste per i dipendenti pubblici e privati privi di certificazione sanitaria. Malattie con ogni probabilità inesistenti che producono un danno per le casse dell’Inps e potrebbero realizzare reati sia da parte dei lavoratori, sia dei medici che hanno firmato certificati falsi”.

Il Codacons spiega dunque che chiederà alla procure delle province della regione di aprire indagini sul territorio in merito all’escalation di certificati per malattia presentati dai lavoratori dal 15 ottobre ad oggi, acquisendo la relativa documentazione e verificando l’operato dei medici di base.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox