fbpx
9 Ottobre 2002

Con la scorta ai sexyincontri

Politici, registi e altri vip nell`agenda della matresse Due misteriosi personaggi pubblici sono stati sentiti ieri come testimoni dalla polizia. Sette ragazze: “È tutto vero“

Con la scorta ai sexyincontri

C`è anche un regista molto noto nella lunga lista di clienti di “Mara“, la maitresse che gestiva un giro di squillo a cinque stelle. E c`erano i politici che andavano ai convegni con la scorta. Le indiscrezioni sui nomi dei Vip, volti noti del cinema e della televisione, giornalisti, calciatori, imprenditori continuano a filtrare nonostante il muro di riserbo eretto dagli investigatori. Due di questi misteriosi personaggi sono stati ascoltati ieri mattina al commissariato di piazza del Collegio Romano. L`appuntamento col vicequestore Antonio Del Greco era stato fissato a un`ora decisamente scomoda proprio per evitare occhi indiscreti: le 7,30.
Il funzionario e il suo vice, Massimo Improta, hanno ascoltato anche altre sette ragazze che hanno confermato la ricostruzione investigativa. A tenere i contatti era sempre Antonella Borragine, detta “Mara“ e gli incontri a luce rosse avvenivano nella garconniere di via Galiani o in albergo. La donna, secondo le ragazze, incassava il 2530 per cento dei guadagni ma chi indaga pensa che la percentuale fosse molto più alta: anche il 50 per cento. I clienti già interrogati come persone informate sui fatti, tra cui una nutrita pattuglia di calciatori della Roma, hanno confermato tutto. Sarà il pm Marcello Cascini a decidere se la cosa, per loro, finisce qui o dovranno comparire in veste di testimoni anche al dibattimento.
Sembra aggravarsi, intanto, la posizione di uno dei due uomini accusati di favoreggiamento. Il bancario avrebbe consigliato a un`amica che cercava lavoro di “fare una telefonata a Mara“. Una circostanza ancora tutta da chiarire.
Erano ben 68 le ragazze della lista di “Mara“, che comprendeva anche qualche nome maschile. Qualcuna veniva da fuori Roma. Due sono risultate del tutto estranee a questa storia pruriginosa. Sentiamole: «Mi chiamo Tania, ho 22 anni. Ho conosciuto Mara quando cercavo di lavorare nello spettacolo e le ho dato la mia foto. Effettivamente, qualche volta mi ha chiamata per fare la cubista o l`animatrice. Poi non l`ho più vista ne` sentita. E di punto in bianco mi ha chiamato la polizia per dirmi che ero finita nel suo book». Ma lei non sospettava qualcosa? «Beh a dire la verità l`ambiente era un po` equivoco. Io, però, non ho mai ricevuto alcuna proposta sconveniente». La stessa versione di sua cugina, una ballerina che, in questi giorni, sta lavorando in un musical. E ieri il Codacons ha chiesto al garante della Privacy Stefano Rodotà di intervenire per tutelare il diritto alla riservatezza dei clienti delle squillo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox