11 Febbraio 2012

Con i ragazzi già in classe scuole chiuse ad horas: è caos

Con i ragazzi già in classe scuole chiuse ad horas: è caos

Margherita Siani Pasquale Sorrentino Studenti in fuga, ieri mattina, nei centri in cui non erano state emanate le ordinanze di chiusura delle scuole. Dalle 8,30 la neve è tornata a cadere copiosa nelle aree del Sele e del Tanagro, dove molti sindaci non avevano chiuso gli istituti. Il dietrofront ha prodotto ordinanze di sospensioni delle lezioni praticamente ad horas, quando gli studenti erano ormai già in aula. Così tornare a casa è stata un’ impresa, con tutte le difficoltà e i pericoli connessi a una viabilità paralizzata per via della neve A Buccino, l’ utenza della scuola, e quella del liceo in particolare, proviene in parte proprio dai centri colpiti dalla nuova ondata di neve, negli Alburni e nell’ Alto Sele. I bus hanno così fatto ritorno con i ragazzi in fretta e furia verso i paesi di provenienza, in altri casi sono stati i genitori ad andare a prendere i propri figli a scuola direttamente. Stesse scene anche ad Oliveto Citra, anche qui sede di una scuola superiore. Idem a Contursi, dove la nevicata è stata più fioca, ma i ragazzi provenienti dalle aree in cui invece di neve iniziava ad essercene parecchia, sono tutti usciti facendo ritorno a casa, temendo di non poterci poi ritornare. E mamme in allerta, ritornate a scuola dai propri bambini, anche per le elementari e le medie. Per domani, però, le scuole di ogni ordine e grado sono chiuse ovunque. D’ altronde, la neve non ha dato tregua ieri, per l’ intera giornata, unendosi a quella dei giorni scorsi e creando ulteriori problemi. I mezzi spalavano, ma bastavano pochi minuti e le strade erano nuovamente bianche. Unica soluzione era rimanere al chiuso. Anche nel Vallo di Diano la neve ha costretto quasi tutti i sindaci a interrompere le lezioni scolastiche in corso ieri mattina, con gli studenti già nelle classi. E questo ha creato diverse polemiche. Diversi genitori infatti si sono trovati impreparati. Un caos evitabile: soltanto il Comune di Montesano sulla Marcellana aveva già da giovedì emesso l’ ordinanza di chiusura delle scuole sul proprio territorio. Problemi anche per il trasporto scolastico con le ditte interessate che hanno dovuto organizzare in fretta un piano di emergenza per «prelevare» gli studenti che erano usciti in anticipo. Anche il Codacons del Vallo di Diano guidato da Roberto De Luca ha manifestato il proprio dissenso: «Gli ingorghi stradali e la situazione di pericolo per l’ incolumità dei cittadini, verificatisi questa mattina (ieri, ndr) su tutte le strade del Vallo di Diano dimostrano, ancora una volta, la scarsa attitudine dei nostri sindaci a rivestire il ruolo di autorità di protezione civile, che non è delegabile. Nessuno coordinava rientri programmati con le autolinee e con i dirigenti dei vari istituti. Il buon senso dei sindaci era andato in vacanza al mare?». Oggi tutte le chiuse del Vallo di Diano e dei paesi del Tanagro resteranno chiuse. © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox