10 Giugno 2010

COMUNI: SANREMO; DELIBERA, TOILETTE A COSTO BICCHIERE D’ACQUA

     
    IL CODACONS: DISCRIMINAZIONE ASSURDA. IN CASO DI RIFIUTO DEL BAGNO, I CITTADINI VADANO DAI CARABINIERI A DENUNCIARE GLI ESERCENTI

     
     
    Il Codacons contesta fortemente la delibera del Comune di Sanremo, che impone il prezzo di un bicchiere d’acqua a carico di chi vorrà utilizzare i servizi igienici di bar e ristoranti.
    “Si tratta di una delibera sballata e che può creare illegittime discriminazioni – spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – E’ si vero che il Tar Toscana ha riservato l’utilizzo dei bagni ai soli clienti degli esercizi pubblici, ma è altrettanto vero che non si può imporre un costo per avvalersi di tale servizio. Un bicchiere d’acqua, infatti, può costare un tot in un bar, e il doppio in un altro, determinando quindi prezzi diversi per un servizio (l’uso della toilette) che è invece identico in tutti i bar”.
    “Senza contare che un cittadino non-cliente può aver bisogno del bagno per motivi di salute o in circostanze di emergenza, e in tal caso un rifiuto da parte dell’esercente potrebbe configurare veri e propri reati, come l’omissione di soccorso. Il consiglio che rivolgiamo ai cittadini, qualora venga loro negata la possibilità di usufruire dei servizi igienici in un locale pubblico, è di rivolgersi ai Carabinieri, denunciando gli esercenti e sottolineando il proprio stato di necessità” – conclude Rienzi.
     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox