29 Luglio 2020

Comune di Sala battuto da Rfi Via l’ asfalto messo sui binari

SALA CONSILINA Dovranno essere rimossi i mille metri quadrati di asfalto che undici anni fa sono stati utilizzati per coprire parte dei binari della ferrovia Sicignano – Lagonegro in località Santa Maria della Misericordia. A deciderlo nei giorni scorsi con una sentenza è stata la sezione civile del Tribunale di Lagonegro che ha quindi dato ragione a Rfi, la società di Ferrovie dello Stato che si occupa della gestione dell’ infrastruttura ferroviaria su tutto il territorio nazionale. Rfi aveva citato in giudizio il Comune di Sala Consilina per ottenere il ripristino dello stato dei luoghi. I binari erano stati asfaltati nel 2010 durante i lavori di realizzazione di un viadotto dell’ autostrada Salerno -Reggio Calabria. Il Tribunale di Lagonegro ha anche disposto che dovrà essere richiuso l’ attraversamento ferroviario provvisorio, al km 37+894, realizzato tra le stazioni ferroviarie di Atena e Sala Consilina, dall’ Amministrazione Comunale salese per l’ accesso alla nuova zona industriale. La vicenda ha avuto anche un capitolo giudiziario di natura penale che si è concluso 4 anni fa con l’ assoluzione con formula per l’ ex sindaco di Sala Consilina Gaetano Ferrari rinviato a giudizio nel 2013 per i reati di occupazione di demanio pubblico ferroviario e danneggiamento. Il procedimento penale era partito in seguito ad una denuncia del Codacons per danneggiamento della linea ferroviaria Sicignano-Lagonegro durante l’ edificazione del viadotto dell’ autostrada A2 del Mediterraneo in località Quattro Querce a Sala Consilina. La Procura della Repubblica aveva fatto richiesta di archiviazione, per i fatti denunciati, al Giudice delle Indagini Preliminari. Il Gip a seguito dell’ opposizione del Codacons alla richiesta di archiviazione aveva invece disposto l’ imputazione coatta per i due direttori dei lavori e per Gaetano Ferrari perché aveva dato disposizione di procedere all’ allargamento della strada comunale sita in località Santa Maria della Misericordia mediante occupazione di un terreno di proprietà della società Rfi. In questo caso però sia l’ ex sindaco che due tecnici dell’ ANas sono stati assolti perché il fatto non sussiste. Soddisfazione per l’ esito del processo civile è stata espressa dal Comitato per la riattivazione della Sicignano – Lagonegro che ha denunciato l’ esistenza di una situazione simile anche a Polla dove c’ è un binario ricoperto d’ asfalto all’ altezza del passaggio a livello che si trova nei pressi dalla stazione ferroviaria in direzione Sicignano. Erminio Cioffi ©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox