27 Maggio 2013

Comunali, caccia alla matita sparita Scrutatori a casa dei votanti

Comunali, caccia alla matita sparita Scrutatori a casa dei votanti

“A partire dalle ore 14 alcuni abitanti del quartiere che avevano votato in mattinata hanno ricevuto la visita a casa di un gruppo di responsabili del seggio di Via Camozzi”. Cercavano una matita portata via dal seggio. A denunciare l’episodio il Codacons
“A partire dalle ore 14 circa in poi, alcuni abitanti del quartiere che avevano regolarmente votato in mattinata hanno ricevuto la visita a casa di un gruppo di responsabili del seggio 2189 di Via Camozzi: motivo della visita, la ricerca di una matita portata via dalla cabina 4 del medesimo seggio”. A denunciare l’episodio surreale è stato il Codacons, che ha appreso i fatti dai diretti interessati e che definisce la vicenda “semplicemente assurda” e spiega: “In sostanza per recuperare tale matita sparita durante le operazioni di voto, i responsabili del seggio, utilizzando il libro con l’annotazione dei nomi e degli indirizzi di tutti i votanti, si sono recati presso le abitazioni degli elettori, chiedendo se questi avessero rubato o erroneamente portato via la matita”.
RIENZI: “UNA FOLLIA, VIOLATA LA PRIVACY” – “Si tratta di una vera e propria follia – attacca il Presidente Codacons, Carlo Rienzi, testimone diretto dell’episodio – perchè per evitare la multa in capo al seggio legata alla sparizione della matita, alcuni soggetti riconducibili allo stesso seggio hanno gravemente violato la privacy dei cittadini, disturbandoli durante l’ora del pranzo o del riposo pomeridiano, e soprattutto rendendo noto chi avesse votato e chi no”. Il presidente del Codacons aggiunge poi che trova “assolutamente ridicolo recarsi a casa degli elettori alla ricerca di un ladro che, in nessun caso, ammetterebbe le sue colpe beccandosi per giunta una denuncia”.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox