29 Luglio 2012

Como, tremila famiglie sotto la soglia di povertà

Como, tremila famiglie sotto la soglia di povertà

Sara Ballabio A Como oltre una famiglia su dieci è in difficoltà. Dei 37.034 nuclei del capoluogo censiti dall’ Istat, infatti, ce ne sono 1.814 che vivono al di sotto della soglia di povertà relativa e 1.379 costretti a sopravvivere al di sotto della soglia di povertà assoluta. Alla fame, insomma. In totale, i nuclei famigliari alle prese con difficoltà drammatiche sono dunque 3.193. I dati emergono dall’ elaborazione dei numeri del censimento Istat. In Italia è sotto la soglia di povertà assoluta un adulto che non può spendere più di 746 euro al mese. O una famiglia composta da due adulti e due figli adolescenti che ogni mese ha a disposizione non più di 1.582 euro. O un nucleo familiare composto da 3 adulti e un over 75 la cui capacità di spesa mensile non supera i 1.488 euro. «Sparisce il ceto medio» Ecco tre esempi riportati in una dettagliata tabella stilata in questi giorni dall’ Istat nell’ ambito della ricerca sulla povertà in Italia. Qui il capoluogo lariano è fatto rientrare all’ interno dei “grandi Comuni” del Nord Italia. Secondo l’ Istituto di statistica l’ 11,1% di famiglie italiane vivono al di sotto della soglia di povertà relativa, al Nord sono il 4,9% delle famiglie. Inoltre, in Italia c’ è un 5,2% di famiglie che si trova al di sotto della soglia di povertà assoluta, sono il 3,7% i nuclei familiari in questa condizione al Nord. «Le percentuali riferite al Nord Italia possono essere applicate anche al Comune di Como – commenta Mauro Antonelli del Codacons – anzi. La ricerca dell’ Istat non tiene conto del costo della vita, che al nord è nettamente superiore. Per questo, sul Lario si deve aggiungere pure un 40% di famiglie che, seppur non rientranti nei calcoli statistici, faticano, ad esempio, ad arrivare alla terza settimana del mese e non riescono più a pagare in tempo tutte le bollette. Non è più possibile, dunque farle rientrare all’ interno del “ceto medio”». Sono 3.193 le famiglie povere Insomma, secondo il Codacons lariano, delle 37.034 famiglie comasche ce ne sono 1.814 che, a Como, vivono al di sotto della soglia di povertà relativa e 1.379 di quella assoluta. Faticando ad acquistare perfino i beni necessari per mantenere uno standard di vita minimamente accettabile. Nel complesso sono, quindi, 3.193 le famiglie povere a Como, erano 3.147 nel 2010 e 2009 e 2.999 nel 2008, tenuto conto che la soglia di povertà assoluta aveva un’ incidenza del 3,2%. Inoltre, aggiungendo il 40% di famiglie in costante difficoltà, l’ incidenza di povertà a Como coinvolge il 48,6% dei nuclei familiari, ben 17.998 famiglie. Infatti, «se consideriamo la povertà reale, quella che deve fare i conti con i prezzi in continuo aumento, perfino dei generi alimentari, il numero di famiglie in difficoltà lievita – rimarca Antonelli – Basti considerare che, dal 2007, le famiglie hanno iniziato a erodere i risparmi. Pure nella ricca Como la crisi ha iniziato a riguardare molti imprenditori che hanno dovuto rivedere il loro stile di vita. Ed è ovvio che quando una famiglia non è tranquilla perché assillata da mutui, spese improvvise o mancati pagamenti significa che il ceto medio si sta sgretolando». © riproduzione riservata.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this