25 Febbraio 2013

COMMERCIO ESTERO: CODACONS, ORA UE PENSI ANCHE ALLA CRESCITA

COMMERCIO ESTERO: CODACONS, ORA UE PENSI ANCHE ALLA CRESCITA

(AGI) – Roma, 25 feb. – Secondo i dati resi noti oggi dall’Istat, le esportazioni verso i Paesi fuori dall’Unione europea segnano a gennaio 2013 un’impennata, salendo del 17,7% su base annua e del 3,9% rispetto a dicembre. Invece l’import registra un nuovo calo tendenziale, in diminuzione del 5,6%.
Per il Codacons questi dati “sono l’ennesima conferma del fatto che, nel resto del mondo, la crisi scoppiata nel 2008 e’ gia’ finita ed e’ solo la scelta di politiche eccessivamente restrittive decisa a tavolino dall’Unione europea che sta determinando la recessione nel Vecchio Continente. Con il rischio, peraltro, che la crisi importata all’epoca dagli Stati Uniti sia ora da noi esportata”.Per il Codacons, “andrebbe conciliato risanamento dei conti con crescita, anche considerando che se la domanda crolla e la ricchezza diminuisce anche il gettito delle tasse scende”. Per questo, si legge in un comunicato, “la priorita’ del prossimo presidente del Consiglio dovrebbe essere quella di incontrare tutti i capi di Stato e di Governo dell’Unione europea, per invertire la rotta di una politica suicida”. (AGI) Red/Fra

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox